1327. In un’abbazia nel nord dell’Italia accadono avvenimenti talmente strani da far pensare alla presenza del demonio. Il compito di ristabilire la pace è affidato a un frate francescano di nome Guglielmo e al suo aiutante Adso. La storia inizia con l’arrivo dei due protagonisti nell’abbazia per un’assemblea che si sarebbe tenuta in quei giorni tra i delegati imperiali e quelli papali a riguardo della povertà di Cristo; proprio in questo periodo avvengono dei misteriosi delitti che portano terrore e disordine nell’abbazia.

 

Tra colpi di scena e imprevisti alla fine Guglielmo, grazie al prezioso aiuto del suo aiutante, riesce a trovare l’assassino svelando i segreti più remoti dell’abbazia. Un misto di vari generi tra i quali giallo e lo storico, ho trovato “il nome della rosa” un’opera molto bella e coinvolgente, ambientata in un’epoca molto adatta a queste vicende. Oltre alla parte dei delitti, sono stato molto colpito dalle ricostruzioni storiche, dalla grande conoscenza dell’autore del medioevo e dalla trama fitta e complessa. Inoltre ho apprezzato le parti in latino che rendevano molto l’atmosfera e la presenza di un libro come movente e come arma del delitto. 

articolo reperito sulle reti p2p 

admin

C'è un mondo intero, c'è cultura, c'è Sapere, ci sono decine di migliaia di appassionati che come noi vogliono crescere senza però abbandonare il sorriso e la capacità di sognare.
admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *