12bf4998c753a4a8fc4a0478b7183e33

Quando il vostro mondo viene messo sottosopra e venite scagliati lontano dal luogo dove abitate, dovete adattarvi, cambiare e se serve, diventare addirittura una dea. Solo così capirete come ci si sente ad avere il potere del tempo dalla vostra e quando avrete compreso, sarete solo all’inizio di un viaggio nell’eternità. Morrigan era una donna qualsiasi prima di essere arruolata tra i viaggiatori del tempo noti come timeshifters, trasformandosi nella vera dea della violenza celtica. Abbandonata dal proprio insegnate per motivi oscuri, la novella viaggiatrice temporale si trova ad affrontare la sua nuova vita, armata delle meraviglie di una tecnologia sconosciuta. Nel suo primo viaggio nel tempo incontra Clenia, una gorgone che diventa sua allieva e quindi una timeshifter come la stessa Morrigan. Proprio quando il lavoro di mentore sembra completato e Morrigan può tornare ai suoi studi sulla linea temporale, ecco che arriva la sua versione più anziana con degli avvertimenti.

Così dopo tutto questo tempo e dopo tante fatiche il menestrello, alias Davide Zampatori, è riuscito nell’ardua impresa, dopo aver pensato di non riuscire, quando aveva smesso di cercare e persino mentre pensava di lasciar perdere editori e autopubblicazioni, ecco che arriva Timeshifters: l’autore, dal suo blog http://menestrelloitinerante.blogspot.it/, ringrazia il suo editore Lettere Animate  che lo ha sopportato in questa vera e propria odissea, tra domande e insistenze, ringrazia Bestia (Ilaria), che gli ha fornito sempre consulenze e consigli e ringrazia tutti i suoi supporter che lo hanno seguito sul web e lo fa rendendo pubblico un brano del suo racconto che qui riportiamo.

A dire il vero non so bene da dove sia arrivato, sta di fatto che il mio nome è Morrigan, ma non sono sempre stata chiamata in questo modo, una volta ero una persona completamente diversa.
Credo che iniziò tutto quando andai via di casa, ero una ragazza di appena vent’anni, impelagata come tutti nella scoperta della mia vita da adulta, sicuramente oppressa dalle prove a cui mi sottoponevo per dimostrare al resto del mondo che potevo cavarmela, senza rendermi conto che stavo sprofondando nella spirale che inghiotte tutta l’umanità. Avevo trovato un lavoro decente, una casa piccola e accogliente da arredare a piacimento e tante altre cose che potevano tenermi impegnata fino a trovare un uomo con cui condividere la vita. Tentavo inutilmente di rendermi indipendente e finii per condannarmi alla stessa vita che non avrei mai voluto fare, imprigionata dai doveri di un’adulta.
Quando rimasi incinta compresi. C’erano voluti sei anni per capire ciò che non andasse nella mia vita e dieci minuti per rimettere insieme i pezzi: decisi di abortire, mandando a monte la mia relazione e lasciai il lavoro per andarmene dalla città che mi aveva vista tanto stupida. Volevo e potevo essere libera, ottenere qualsiasi cosa e quando finalmente ero sola nella mia macchina, diretta verso il Texas compresi che avevo fatto il mio primo passo verso ciò che volevo diventare.
Fu allora che conobbi il professor Hubert Silver: un vecchietto simpatico che passava le giornate lavorando nel proprio laboratorio, a cui serviva una domestica per rassettare la casa un paio di volte a settimana. Il professore sembrava ossessionato dalla leggendaria pietra filosofale, dai libri che vedevo nella sua immensa libreria aveva passato una vita a studiarne le leggende, ma il suo passato di professore di fisica lo rendeva l’uomo perfetto per una simile passione.
Non ricordo quanto tempo restai in quella piccola cittadina del Texas, ma al mio trentesimo compleanno Silver mi regalò una collana d’oro e diamanti, rifinita elegantemente e dall’aspetto fin troppo costoso per un professore dell’università pubblica. Accettai promettendo di passare da lui il giorno seguente per festeggiare, ma andai a far valutare la collana. La purezza dell’oro e dei diamanti ne faceva uno dei gioielli più preziosi al mondo e benché neanche il valutatore credesse a quei dati, la somma che mi venne offerta superava quella di cui avessi bisogno per vivere in quella cittadina per alcuni decenni. Rifiutai.

Timeshifters

Davide Zampatori, nato e cresciuto nella capitale, è un cronico lettore di fantascienza, soprattutto quella d’oltreoceano. Ha iniziato a pubblicare le sue storie su questo blog per dimostrare, più a sé stesso che agli altri, di riuscire a portare avanti una produzione vera e propria che potesse attirare il pubblico. Menestrello Itinerante è stato quindi il laboratorio da cui Davide ha incominciato e Lerigo Onofrio Ligure, il suo pseudonimo / personaggio, era il suo strumento più preciso, oltre che la sua creatura più viva e animata. Dopo tre anni di lavoro quotidiano e di impegno, una storia pubblicata in precedenza sul blog ha visto la luce: Timeshifters, è disponibile in ebook! Collabora ormai stabilmente con la rivista online Fralerighe, mentre in passato alcuni suoi racconti sono comparsi su Stanza251. Attualmente, oltre ad aver pubblicato un racconto su Alia EVO 2.0, è curatore del collettivo di scrittori “Scrittori in Corso”.

12747918_991429390950259_5372867436895838092_o

 

 

Gianluca Falletta

Gianluca Falletta, presidente di Satyrnet e finalista di Italia's Got Talent 2019, è considerato "il papà del Cosplay Italiano". Come una delle prime realtà che hanno promosso il fenomeno made in Japan, Satyrnet, in oltre 15 anni di attività ha creato, realizzato e prodotto alcune delle più importanti manifestazioni di settore. Il portale www.satyrnet.it e la sua vastassima community online sono tutt'ora uno dei punti di riferimento per gli appassionati.Gianluca Falletta ha partecipato alla produzione del Festival del Fumetto di Romics, RomaComics & Games, Gaming e Cartoon Days e ora collabora con i principali festival italiani quali LuccaComics & Games, Milano Cartoomics e Napoli Comicon.
Dopo "l'apprendistato" presso Filmmaster Events, una delle più importanti agenzie di eventi al mondo, Gianluca si occupa di creare ride e parchi di divertimento a livello internazionale e ha participato allo start-up dei nuovissimi parchi italiani Cinecittà World e Luneur Park cercando di unire i concetti di narrazione, creatività con l'esigenza di offrire entertainment per il pubblico.
Gianluca Falletta

Latest posts by Gianluca Falletta (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *