Per celebrare il 35°anniversario dei Ghostbusters, il nostro Mirco Zomparelli, che avete già conosciuto come autore di due romanzi su James Bond, porta in campo la sua passione per gli acchiappafantasmi più amati di tutti i tempi, con il nuovissimo Shandor.

 

Anno 1996. New York. Il gruppo degli acchiappafantasmi si è ormai sciolto da tempo. Peter, Egon, Ray e Winston dopo aver interrotto i contatti hanno preso strade diverse, in cerva di maggior fortuna mentre una nuova minaccia incombe su Manhattan. Durante la trasmissione Mondo Medianico accade l’impensabile e Peter Venkman, spinto dal suo fedele amico Raymond Stanz, decide di riunire la squadra. L’umanità, tramite un portale interdimensionale, rischia di finire risucchiata nell’inferno. I Ghostbusters unendo le loro forze ancora una volta, riusciranno a salvare il Mondo dall’estinzione. Egon Spengler, Raymond Stanz e Winston Zeddemore faranno i conti con il proprio passato.

 

Biografia:
Mirco Zomparelli nasce a Roma il 19 Febbraio 1984 e fin da giovanissimo mostra un forte interesse per storia, letteratura e cinema. Da bambino sviluppa la passione per l’universo degli acchiappafantasmi, grazie alla serie animata “The Real Ghostbusters” e il cinema degli anni ’80 è quello che lo attrae maggiormente.

Grazie ai due fratelli più grandi cresce con il mito di Superman, Batman, Robocop, Ritorno al Futuro e altri cult dell’epoca, ma “Ghostbusters” è il film che ha un profondo impatto sulla sua fantasia tanto da portarlo a diventare cosplayer indossando una fedele riproduzione dell’uniforme completa dell’equipaggiamento ammirato nella pellicola americana.

Da ragazzo, invece, si avvicina al mondo di James Bond da cui nasce una passione ormai quasi ventennale.

http://www.mircozomparelli.it/

Maria Merola

Laureata in Beni Culturali, lavora nel campo del marketing e degli eventi. Ama Star Wars, il cosplay etutto ciò che riguarda il mondo del fantastico, come rifugio dalla realtà quotidiana. In particolare è l'autrice del blog "La Terra in Mezzo" dedicato ai miti e alle leggende del suo Molise.
Maria Merola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *