fs

Nelle ultime ore, sulle principali testate, una notizia riguardante gli amici eterni del Vigamus, il Museo del Videgioco. Simone Toscano, sulle pagine di TgCom 24 ha scritto: “Vigamus, il Museo dei Videogiochi (e molto altro) della Capitale, divenuto nell’arco di pochi anni punto di riferimento delle (sotto)culture giovanili romane, che in quei locali hanno trovato luogo di incontro, di sfogo, di espressione. Una realtà vivace da 80mila visitatori l’anno, tra i pochi musei del genere al mondo, gemellata con l’omonimo museo di Berlino. Tutto destinato a finire, forse. A chiudere, ad essere cancellato con un colpo di spugna. E questa cosa non può passare nel silenzio…”.

Lorenzo D’Albergo, sulle pagine di Repubblica.it scrive: “Vigamus, il museo del videogioco nel cuore del quartiere Prati, è sotto sfratto. La determinazione dirigenziale recapitata sul finire di marzo ai gestori dell’esposizione, i ragazzi della Aiomi (Associazione italiana opere multimediali e interattive), parla chiaro: il Comune ha disposto la riacquisizione degli spazi di via Sabotino 4, la vecchia sede del municipio. I mille metri quadrati interrati concessi in era Alemanno ai creatori del museo del videogame sono stati ristrutturati e, a partire dal 2013, riempiti con console vintage e simulatori di ultima generazione. Ora, però, il Campidoglio ha deciso di riappropriarsi degli spazi. Non c’è Super Mario, Gameboy o Playstation che tenga: come fanno sapere dall’assessorato al Patrimonio, dopo gli scandali di Affittopoli e Morosopoli, è finito il tempo degli affidamenti diretti…”

Ma la situazione non è così drastica: riportiamo il post di Marco Accordi Rickards, direttore del Museo, che tranquillizza i migliaia di fan:  “La situazione è totalmente tranquilla e sotto controllo: da tempo sappiamo della situazione e stiamo parlando col Comune per sistemare tutto. Siamo allineati al 100%: era un atto dovuto, come lo è necessariamente il nostro ricorso al TAR. Mi dispiace solo che in Italia le cose debbano essere sempre così complicate e lunghe… Ad ogni modo tranquilli: il VIGAMUS sta benissimo, non chiude affatto e anzi ha grandi progetti in arrivo! Comunque un caloroso grazie a tutti per il sostegno e la solidarietà dimostrati oggi!”.

Ma cosa è il VIGAMUS? Per chi non lo sapesse il Museo del Videogioco di Roma, è il primo Museo italiano interamente dedicato al Videogioco. Il Museo è gestito da Fondazione VIGAMUS, Ente riconosciuto dalla Prefettura di Roma con Parere positivo del Ministero dei Beni Artistici e Culturali e Del Turismo con Protocollo 976/2014, costituito nel giugno 2013 e impegnato nella preservazione, la ricerca e la divulgazione dei beni fisici e digitali legati allo strumento d’espressione digitale. Fenomeno di massa, espressione artistica dell’era digitale e medium interattivo, il videogioco è ormai entrato a far parte dell’immaginario contemporaneo, divenendo uno dei più complessi sistemi di produzione di significati. Per natura legato alla componente tecnologica, il videogioco evolve continuamente, rivoluzionando a sua volta l’intero sistema delle arti, e combinandosi con esso.Obiettivo di Fondazione VIGAMUS è promuovere e diffondere la consapevolezza del portato culturale del videogioco in Italia, Paese caratterizzato da un vasto pubblico di giocatori. Il videogioco si va così ad inserire nella struttura del patrimonio storico-artistico del Bel Paese, il cui primato nel mondo è assolutamente indiscutibile. L’innovazione culturale, più che quella tecnologica, rappresenta il fondamento per la nascita di una vera cultura del videogioco, artefatto che merita di essere conosciuto e studiato, e prima di tutto, preservato.

http://www.vigamus.com/

Gianluca Falletta

Gianluca Falletta, presidente di Satyrnet e finalista di Italia's Got Talent 2019, è considerato "il papà del Cosplay Italiano". Come una delle prime realtà che hanno promosso il fenomeno made in Japan, Satyrnet, in oltre 15 anni di attività ha creato, realizzato e prodotto alcune delle più importanti manifestazioni di settore. Il portale www.satyrnet.it e la sua vastassima community online sono tutt'ora uno dei punti di riferimento per gli appassionati.Gianluca Falletta ha partecipato alla produzione del Festival del Fumetto di Romics, RomaComics & Games, Gaming e Cartoon Days e ora collabora con i principali festival italiani quali LuccaComics & Games, Milano Cartoomics e Napoli Comicon.
Dopo "l'apprendistato" presso Filmmaster Events, una delle più importanti agenzie di eventi al mondo, Gianluca si occupa di creare ride e parchi di divertimento a livello internazionale e ha participato allo start-up dei nuovissimi parchi italiani Cinecittà World e Luneur Park cercando di unire i concetti di narrazione, creatività con l'esigenza di offrire entertainment per il pubblico.
Gianluca Falletta

Latest posts by Gianluca Falletta (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *