Naoko Takeuchi è nata nel 1967 a Kofu, nella prefettura di Yamanashi. Il suo primo lavoro, "Love Call", scritto nel 1986, vinse due volte il premio per nuovi artisti della Kodansha, e venne pubblicato su Nakayoshi nel Dicembre dello stesso anno.

In seguito cominciò a disegnare per la Kodansha a tempo pieno, con lavori come "Prism Time" (una raccolta di alcune sue vecchie storie), "The Cherry Project" (storia d'amore di una pattinatrice) e "Miss Rain" (storie d'amore di normali liceali). Nel 1991 scrisse una storia a proposito di una supereroina chiamata "Codename wa Sailor V" sul numero estivo di Run Run (pubblicazione sorella di Nakayoshi), che si rivelò molto popolare. Forte di questo successo, Naoko Takeuchi scrisse altri episodi con Minako Aino (Sailor V) come protagonista, con materiale complessivo per due volumi, e nel numero di Febbraio di Nakayoshi disegnò il primo episodio di Sailor Moon. E' da notare che Sailor V si distacca molto per tema dagli altri lavori: l'atmosfera è decisamente più allegra (ricorda molto la versione TV di Sailormoon) e la trama si avvicina molto all'idea dei supereroi (in questo caso delle supereroine). Piccola curiosità: in Sailor V compaiono già alcuni personaggi che faranno comparsa in Sailormoon, come Usagi e Naru, che vengono incrociati da Minako nelle sue peripezie. Gli altri lavori di Naoko Takeuchi sono principalmente storie d'amore, persino Sailormoon può essere considerato come la storia del rapporto tra Usagi e Mamoru (questo spiega anche il grande peso dato a questi due personaggi rispetto agli altri). L'autrice fu molto felice dell'idea di creare una serie TV dal suo manga, ed accettò la collaborazione con lo staff della Toei. In pratica cominciò a lavorare come consulente: diede la trama generale da rispettare e si preoccupò del profilo dei personaggi. Dopo la fine di Sailormoon, si attese il suo nuovo lavoro, previsto per il settembre '97. Nel frattempo, oltre a curare la pubblicazione del terzo volume di Sailor V, ha scritto storie brevi per la rivista "Amie
admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *