Rosa Parks
Mariapaola Pesce e Matteo Mancini

Montgomery, Alabama, 1° dicembre 1955: terminata la giornata lavorativa, la quarantaduenne Rosa Parks, di pelle nera e di professione sarta, prende l’autobus 2857, diretta a casa.

Si siede in una fila centrale, ma quando dopo poche fermate sale un passeggero bianco, il conducente le chiede di alzarsi per lasciargli il posto, come impongono le regole. Rosa le conosce bene: i neri siedono dietro, i bianchi davanti, mentre i posti centrali sono misti e si possono usare solo se tutti gli altri sono occupati, ma la precedenza spetta sempre ai bianchi.

«No» risponde Rosa senza pensarci troppo, lei non intende alzarsi. Quel rifiuto la trasforma in un’eroina dei diritti dei neri, impegnati nella lotta contro la segregazione che opprimeva l’Alabama e altri Stati del Sud, diventando il propellente dello storico boicottaggio dei bus a Montgomery guidato da Martin Luther King.

Acquista online con sconto del 5%.

 

Il caso Moro
Luca Bagnaso e Tommaso Arzeno

Il 16 marzo 1978, in via Mario Fani a Roma, un nucleo armato delle Brigate Rosse intercetta l’auto che trasporta il presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro.

In pochi secondi i brigatisti uccidono i cinque uomini della scorta e sequestrano Moro: inizia così l’attacco al cuore dello Stato. Rinchiuso in una cella per 55 giorni, Moro viene sottoposto a un vero e proprio processo politico e scrive diverse lettere indirizzate alla famiglia, agli esponenti del suo partito e alle massime cariche del Governo nel tentativo di favorire una trattativa fra lo Stato e i suoi rapitori. Ancora oggi, il caso Moro rappresenta una delle pagine più oscure e delicate della storia politica italiana.

Acquista online con sconto del 5%.

 

Adele Crudele – Ritorno in classe
Mr Tan & Miss Prickly

C’è una cosa che detesto più del lunedì mattina, dei fagiolini e dei compiti: è quell’impiastro di Giada… e i suoi lustrini! Ma non pensiate che gliela dia vinta. Ho intenzione di dimostrarle che l’alunna più crudele della scuola sono io!

Adele Crudele ha finalmente trovato una buona ragione per alzarsi ogni mattina e andare a scuola: tener testa a Giada e alle sue amichette che si credono le regine del cortile durante l’intervallo! Anche se la scuola è appena ricominciata, i veri problemi non tarderanno a saltar fuori.

Perché per Adele è già arrivata… la ripresa delle lezioni!

Acquista online con sconto del 5%.

Enrico Ruocco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *