ROBOCOP VIVO O MORTO: giovedì 5 settembre è uscito il secondo e conclusivo volume

ROBOCOP, il film cult di Paul Verhoeven, è certamente una delle grandi icone degli anni ’80. E quindi una delle grandi icone degli ultimi decenni, dal momento che gli anni ’80 sono stati una fucina di personaggi e storie entrate rapidamente nella leggenda.

SaldaPress, negli ultimi anni, ha deciso di investire molto su alcune di quelle icone: AlienPredator, prossimamente Terminator e, appunto, ROBOCOP.

Giovedì 5 settembre è uscito ROBOCOP – VIVO O MORTO vol. 2 (pagg. 160, euro 24,90), il secondo e conclusivo volume della recentissima serie pubblicata negli USA da Boom! Studios, scritta da Joshua Williamson e disegnata in questo caso da Carlos Magno e Dennis Culver.

Immaginato come diretto sequel del film del 1987, ROBOCOP: VIVO O MORTO è ambientato pochi mesi dopo le vicende raccontate nel film. Avevamo lasciato Robocop e l’agente Lewis – divenuta nel frattempo, suo malgrado, detective – alle prese con le macchinazioni di John Killian. La OCP gli ha affidato il compito di mediare sul ritiro delle armi dalle strade di Detroit, ma l’unico risultato ottenuto è stato quello di diffondere il caos e la violenza. Chi copre Killian? Perché non vogliono che il detective Lewis indaghi? E chi cerca di impedire a Robocop di intervenire?

Il secondo volume di VIVO O MORTO, nel pieno rispetto delle atmosfere del film di Verhoeven, spinge sul pedale dell’acceleratore e scatena una guerra metropolitana, magistralmente orchestrata da Williamson. Un altro capitolo da non perdere per tutti i fan di ROBOCOP e del fumetto d’avventura sci-fi, in attesa del sequel cinematografico prodotto da MGM e intitolato RoboCop Returns.

Enrico Ruocco

Figlio della GOLDRAKE generation, l’amore che avevo da bambino per il fumetto è stato prima stritolato dall’invasione degli ANIME, poi dall’avvento dei Blockbuster e annientato completamente dai giochi prima per PC e poi per CONSOLE.
In seguito con l’arrivo del nuovo millennio, il tanto temuto millennium bug , ha fatto riaffiorare in me una passione sopita soprattutto grazie ad INTERNET.
Era il 2000 quando finalmente in Italia internet diventava sempre più commerciale, ed io decisi di iniziare la mia avventura sul web creando il mio sito TUTTOCARTONI.Sito nato da una piccola ricerca fatta fra quello che “tirava” sul web e le mie passioni. Sappiamo bene cosa tira di più sul web … sinceramente non lo ritenni adatto a me, poi c’era lo sport, altra mia passione ma campo altamente minato. Infine c’erano i cartoon e i fumetti…beh qua mi sentivo preparato e soprattutto pensavo di trovare un mondo PACIFICO…
Man mano che passava il tempo l’interesse si spostava sempre più verso il fumetto, ed oggi, nel 2017, guardandomi indietro e senza vantarmi troppo posso considerarmi un blogger affermato e conosciuto, uno dei padri degli eventi salernitani dedicati al mondo del fumetto ma soprattutto lettore di COMICS di ogni genere.
Enrico Ruocco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *