Tilak Mandadi (Executive Vice President, Digital & Global Chief Technology Officer, Disney Parks, Experiences and Products) ha recentemente presentato allo IAAPA (l’associazione internazionale dedicata ai parchi di divertimento) una nuova strategia digitale targata Disney che dà vita a un nuovo concetto di Experience “ibrida” dei Theme park. Col cambiamento portato dalla situazione globale attuale, abbiamo dovuto modificare le nostre abitudini portandoci a un nuovo modo di vivere la vita, assimilato allo smart working, ossia la “Smart Life”, fino ad arrivare al divertimento stesso che assume dei tratti di Smart Entertainment. La Disney si è affidata alle nuove tecnologie per ampliare l’esperienza fisica degli ospiti, attraverso l’utilizzo di nuovi device, anche dotati di AR, per saltare le code, effettuare il check in-out presso gli hotel. Inoltre, con il progetto DisneyMagicMoments, Disney ha coinvolto i fan attraverso i social e l’app My Disney Experience dando la possibilità di vivere il dietro le quinte ma a distanza. Nella sua relazione Tilak Mandali ha dichiarato: “Abbiamo migliorato molte delle nostre competenze e ne abbiamo create una serie di nuove, incluso il sistema di pass per l’ingresso al parco, con una sequenza temporale accelerata, messa a punto in poche settimane. I nostri ospiti hanno davvero apprezzato le comodità offerte dalla digitalizzazione. Abbiamo rilevato che gli ordini di cibo e bevande da dispositivi mobili sono saliti alle stelle, dal 9% all’84% e quasi il 90% di tutti i pagamenti sono ora cashless, senza contanti. Abbiamo ulteriormente migliorato la gestione delle code virtuali che abbiamo introdotto quando abbiamo aperto l’attrazione Star Wars: Rise of the Resistance. Ci siamo affidati al lavoro svolto con i nostri amici di Hitachi per sfruttare la tecnologia predittiva per mantenere le nostre attrazioni in funzione con interruzioni minime. Il sistema Direct-to-Room, al Walt Disney World Resort, ora consente agli ospiti di bypassare la reception poiché la nostra app gestisce il check-in, la disponibilità delle camere e può anche essere utilizzata come chiave della stanza”. Tilak Mandadi ha introdotto nuovi tipi di narrazione transmediali. In un prossimo futuro si potrà fruire un parco a tema attraverso quello che definisce un “metaverso” con device indossabili, smartphone e visori per permettere una fruizione personalizzata.

Anche nel campo dell’Entertainment compare il concetto dell’Internet of Things (IoT) grazie all’implementazione di reti mobili 5G.  Viene così introdotto l’uso degli assistenti virtuali che avranno il compito di permettere agli ospiti di ordinare in anticipo ciò che vogliono mangiare e bere, scoprire i prezzi dei biglietti per esperienze aggiuntive o camere d’albergo e prenotare giostre e tavoli. E in merito a questo la società di ricerca tecnologica Forrester, correla un calo dei prezzi con un aumento della domanda di altoparlanti intelligenti con display video.

Natacha Rafalski, di Disneyland Paris, ha lanciato la web-app “Disneyland Paris at home” che include una selezione di giochi e contenuti per i bambini come ad esempio il calendario dell’Avvento digitale: “… è un altro modo creativo di Disneyland Paris per portare magia e felicità durante le festività natalizie. Il mio desiderio è che queste 24 sorprese possano creare momenti pieni di gioia da condividere con le persone a cui vogliamo bene e dal profondo del cuore voglio ringraziare tutti i Cast Member e le celebrità che ci stanno aiutando a portare un po’ di polvere magica nelle case delle famiglie questo dicembre”.

In USA, Legoland Florida ha pubblicato sulla sua pagina alcuni contenuti digitali, tra cui una visita VR al parco, puzzle di ricerca di parole, giochi interattivi e sessioni di costruzione virtuali con i propri Creativi.

Già circa due anni fa, una ricerca di Omnico rivela l’esigenza di circa l’85% dei visitatori di parchi a tema di una presenza dell’intelligenza artificiale per la verifica dell’identità. La cosa riguardò in articolare gli ospiti cinesi, infatti il resort di Pechino della Universal utilizzerà la tecnologia per l’accesso e il pagamento quando aprirà nel 2021.

Anche i produttori e creativi d’Italia si stanno approcciando a strategie digitali all’avanguardia e immersive, attraverso motori grafici videoludici. Anche qui torna l’uso dei social per coinvolgere i propri utenti, creando “divertimento a distanza” utile anche per scoprire i sentimenti e i desiderata del proprio pubblico e dunque prepararsi al meglio per la prossima riapertura. Fra i tanti, il parco Luna Farm di Bologna, allestito, all’interno delle strutture di FICO, ha saputo ben intrattenere i propri ospiti digitali con giochi, sondaggi, post e ricordi che hanno creato un link costante proattivo con le famiglie lontane dalle attrazioni del parco.

Gardaland, da giugno a ottobre 2020, aveva già messo in campo applicazioni per saltare la fila o fluidificartici del flusso verso gli Hotel e questi investimenti saranno comunque validi per migliore l’esperienza dei visitatori nel parco.

Dal punto di vista di “realtà immersive”, in prima linea, come già per il salto tra eventi live verso quelli virtuali, c’è Gianluca Falletta, imagineer internazionale che ha creato già numerosi parchi, attrazioni ed experience anticipando l’uso delle nuove tecnologie già prima della situazione globale attuale. Fulcro del suo lavoro è il pubblico inteso come protagonista, attraverso l’analisi di diversi punti di vista, conoscenze informatiche e ludiche eterogenee, tempi di fruizione diversi in base ai target e una moltitudine di device diversi. Il concetto più importante su cui si fonda questa analisi, è sicuramente la valutazione della soglia d’attenzione davanti a una nuova tecnologia. Per Gianluca, l’idea dietro l’Esperienza, fino ad arrivare all’Attrazione stessa, è ciò che fa la differenza, lo storytelling e le emozioni che questo riesce a trasmettere al fine di diventare memorabile. Grazie alle nuove tecnologie, le forme tradizionali d’intrattenimento di massa evolvono, superando il concetto di riproposizione di quanto avviene nella realtà. Riportando le sue parole: “Sono numerosi i progetti nazionali e internazionali che ci vedono impegnati nella creazione di ambienti digitali immersivi, realizzati con Unreal Engine proprio come i moderni videogiochi, in cui gli appassionati possono avvicinarsi nuovamente all’esperienza dei parchi che loro amano. Singole attrazioni, ma anche Teatri e negozi: veri e propri theme park virtuali che “aumentano” per storytelling la loro controparte reale ora “negata” per la situazione sanitaria globale. Non sono progetti fini a se stessi, in ottica di ottimizzazione del budget per la creazione di questi environment, quando i parchi finalmente riapriranno, diverranno strumenti utili per l’ibridazione dell’esperienza, per offrire contenuti diversi in ottica transmediale oppure semplicemente trasformare i classici siti in web-app visitabili in cui “toccare con il mouse” il parco prima di andarci, prenotare gli hotel, scoprire le ricette dei ristoranti o acquistare il merchandising con riproduzioni 3d perfette più reali del reale“.

Parlando invece di Smart Working, Zamperla SpA, eccellenza italiana e leader nel mercato delle attrazioni per parchi di divertimento e Strategy Innovation, ha analizzato  gli aspetti positivi e le criticità del tema approdando a un modello che mette il benessere al primo posto, nel rispetto delle esigenze professionali e personali: il modello del Fun Working. Questo progetto di “lavoro digitale sostenibile”, si basa su alcuni punti focali:

  1. spiegare ai figli la situazione, rendendoli partecipi
  2. avvertire i colleghi e clienti delle possibili interruzioni focalizzandosi sulla comprensione delle situazioni
  3. creare una zona smart working
  4. creare una zona fun working: lo spazio del lavoro viene stavolta condiviso con i bambini concependo delle interruzioni per passare del tempo con loro;
  5. imparare a capire quando essere smart e quando essere fun.

Antonio Zamperla Junior, Chief Innovation Officier della Zamperla SpA, ha raccolto con entusiasmo questa visione: “Un’azienda che si occupa di divertimento non può che trarne delle considerazioni importanti e sicuramente stimolanti per sviluppare nuove idee e progetti, magari immaginando degli spazi inediti funzionali a far convivere gioco e lavoro. In Zamperla non smettiamo di immaginare il futuro e per questo stiamo lavorando ad un progetto di R&D permanente, nella convinzione che la nostra responsabilità sociale, il benessere e il divertimento delle persone, avrà un ruolo sempre più importante nelle comunità di tutto il mondo”.

L’industria del divertimento italiana non si è fermata ma, facendo tesoro dell’esperienza maturata attraverso l’uso di piattaforme digitali, è in grado di portare i Theme Park nelle case delle famiglie. Un concetto innovativo che rappresenterà uno spunto per fondere ciò che è reale con ciò che è digitale. Facendo in modo che, tecnologie come la Realtà Aumentata porteranno a un miglioreranno della percezione, facilitando la fruizione e aumentando l’esperienza e il ricordo: “Se puoi sognarlo, puoi farlo”.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *