Al momento sembra tutto ancora fermo come novità causa pandemia, ma ci sono progetti e annunci in corso in vari settori, e tra i vari spicca quello degli Amazon Studios, che vogliono trasporre in una serie dal vivo il fumetto già culto Paper Girls, i cui sei numeri sono usciti in italiano per Bao Publishing. Del resto, era abbastanza inevitabile che prima o poi qualcuno si interessasse a quest’opera, ideata a quattro mani da Brian K. Vaughn e da Cliff Chiang, ambientata in quegli anni Ottanta che continuano ad essere celebrati come il momento di nascita della cultura nerd grazie anche e non solo al serial Stranger Things, venuto fuori dopo Paper Girls.

Il fumetto ha per protagoniste quattro ragazze che, mentre distribuiscono i giornali il giorno dopo Halloween del 1988, vengono coinvolte in un’avventura fantastica tra varie fazioni in lotta di viaggiatori nel tempo: anche loro dovranno saltare tra le epoche, incontrando anche le versioni future di loro stesse, e scoprendo possibilità non sempre piacevoli, confrontandosi anche con il tema di accettare o meno il proprio destino.

Paper Girls è un fumetto colorato e avvincente, ricco di citazioni della cultura pop e di strizzate d’occhio alla contemporaneità: una sfida certo non facile da trasporre in un telefilm, ma Legendary Television, il produttore, l’ha raccolta e per ora si è costituito lo staff che lavorerà alla serie, che comprende come produttori esecutivi Stephany Folsom, Christopher Cantwell e Christopher C. Rogers, oltre ai due autori Brian K. Vaughan e Cliff Chiang, e questo è senz’altro molto positivo.

Non si sa ancora nulla sul cast, dove potranno essere presenti nuove promesse nel ruolo delle giovani protagoniste e magari qualche volto noto nelle parti degli adulti, secondo uno schema che funziona sempre almeno dai tempi di Harry Potter. Un titolo quindi importante, con ottime possibilità di piacere a un pubblico di tutte le età, e nell’attesa si possono leggere o rileggere i sei volumi Bao, ricordando magari l’incontro con Cliff Chiang l’anno scorso a Lucca Comics & Games.

Elena Romanello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *