Durante la manifestazione WonderCon 2018  svoltosi lo scorso fine settimana ad Anaheim, sono intervenuti alcuni esponenti della produzione di Star Trek Discovery, come  Gretchen J. Berg e Aaron Herberts, produttori esecutivi e showrunner, intervistati tra gli altri, da  TrekMovie.

Numerosi sono gli interrogativi che erano rimasti aperti con la prima stagione e che hanno turbato i fan, ad esempio perché Spock non ha mai menzionato la sorella, la tecnologia così diversa del motore a spore e la guerra. Tra le prime indiscrezioni abbiamo la durata della serie: la produzione inizierà ad aprile per un totale di tredici episodi. Segue la parte più interessante, ossia che la seconda stagione affronterà l’inserimento della serie nella timeline di Star Trek: “L’idea era di essere sempre nella Prime Timeline. Ovviamente, ci sono domande e preoccupazioni e cose che sono diverse. La nostra tecnologia è un po’ diversa. Abbiamo una nave che funziona in modo molto diverso. Siamo il nostro show in molti modi. La seconda stagione è davvero emozionante per noi. Questa è la nostra opportunità di mostrare realmente come Discovery si inserisce in questa Prime Timeline. Siamo fermamente impegnati in questo.

Harberts ha dichiarato inoltre che la Stagione 2 si allontanerà dal “contesto di guerra“, il team creativo vuol indagare “una fase più esplorativa e una fase più diplomatica“, sicuramente qualcosa di più vicino all’universo Trekkie più conosciuto dai fan.

Durante la Wondercon, inoltre, è stata presentata una scena tagliata dell’ultimo episodio che fa riferimento al futuro della ex imperatrice Georgiou: “Per noi è la ‘scena segreta’. Inizialmente era parte dell’episodio finale, ma abbiamo deciso di tagliarla perchè pensavamo sarebbe stato più eccitante farla vedere al pubblico in una situazione come la WonderCon”.

Maria Merola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *