Morrigan Aensland è uno dei personaggi più amati della saga videoludica della Capcom Darkstalkers, secondo molti la Succube dai capelli verdi è il character principale della serie grazie alla sua importanza nell’arco narrativo e anche alle sue apparizioni in altre serie di giochi fuori dalla sua storyline. Questo personaggio vive principalmente per assaporare emozioni in battaglia, anche se, sia i suoi finali dei giochi che quelli degli anime, rivelano che la succube lentamente comincia a prendere coscienza delle sue responsabilità seriamente. Il suo aspetto è quello di una bellissima donna con ali da pipistrello sulla schiena e sui lati della testa. Morrigan può cambiare la forma di queste ali e trasformarle in punte o lame quando attacca i nemici, o ancora usarle come scudo per difendersi dagli attacchi anche separandosi da lei formando una nuvola di pipistrelli.

Morrigan è una succube in grado di estrarre il liquido dai sogni degli altri per sopravvivere, figlia adottiva di Belial Aensland. Quando nacque era estremamente potente, tanto che Belial fu costretto a sigillare un terzo del suo potere in se stesso e un terzo in un’altra dimensione, che si trasformerà in un’altra succube, Lilith. Morrigan crebbe tenuta all’oscuro di ciò. Trovando la vita al castello degli Aensland noiosa, decise di fare visita al mondo umano diverse volte per potersi divertire. Una notte, però, fu attirata da una strana forza, dopo riconosciuta come quella di Pyronk, e si avventurò nel mondo umano ancora una volta. Dopo essere ritornata da questo viaggio, le fu comunicato che Belial era morto e che lei sarebbe stata il successore al trono della famiglia Aensland. Nonostante sia di diritto regina del Makai, continuò a evitare le sue responsabilità e a vivere come prima. Ma quando Jedah creò il Majigen, lei e il suo castello furono inglobati nella dimensione di Jedah. Avvertendo la presenza di Lilith, Morrigan partirà, ma dopo l’incontro con Lilith le due torneranno a essere un unico essere.

admin
Latest posts by admin (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *