Tanto per riprendere il discorso che i fumetti, i bei fumetti sono di varie nazionalità, oggi vorrei parlare di un fumetto Argentino creato dalla vulcanica mente di Robin Wood nei primi anni novanta, si tratta di Martin Hel. Questa serie a fumetti venne pubblicata anche nel nostro paese a partire dai primi anni novanta da parte della casa editrice Eura Editoriale, all’inizio venne pubblicata a cadenza settimanale divisa a puntate sulla rivista Skorpio, e poi successivamente stampato come allegato omaggio all’interno dell’altra rivista settimanale Lanciostory; infine tali storie vennero raccolte in volumi cartonati a colori nella testata sempre dell’Eura Editoriale Euracomicx, per via della rilegatura in volumetti e della colorizzazione, tale serie tra la versione a puntate e quella a volume differisce in alcune tavole, in quanto esse dovevano essere rimontate per l’adattamento editoriale.

La storia ruota tutta intorno a Martin Hel, un personaggio dal passato tanto avventuroso quanto misterioso, infatti l’unica cosa che si conosce di Martin Hel è che vive a Parigi in una lussuosa villa, è un fine esteta che piace la bella vita, è molto ricco, ma da dove venga la sua ricchezza rimane un mistero anche se molti suoi ammiratori ritengono che derivi dagli introiti dei suoi libri; dal fascino tenebroso, con amici in tutto il mondo conosciuti molto spesso in maniera insolita. Un altra cosa certa e risaputa e la sua passione per l’occultismo, dalla magia nera e bianca, alla demonologia, dalle leggende mitologiche ai fenomeni paranormali. In ogni puntata Martin Hel si ritrova sempre davanti un enigma, un ricordo dal passato oppure una minaccia, sempre di natura sovrannaturale, che egli affronta da solo o grazie all’aiuto dei suoi amici o di temporanee alleanze con i suoi avversari, per debellare il problema di turno. Nelle sue avventure ha conosciuto vari personaggi “famosi” nel mondo del paranormale o dell’esoterismo, come ad esempio il leggendario Gilgamesh l’Immortale, Giacomo Casanova il seduttore, e nella sua dimora parigina molto spesso divide un buon bicchiere di pregiato liquore con lo spettro del Conte Dracula, sempre se non debba passare la serata con una bella donna la quale non rimane mai estranea al suo tenebroso fascino di “uomo di mondo”.

Una piacevole serie a fumetti, il cui genere non è propriamente un Horror, ma più incentrato sul paranormale dando anche delle piacevoli spiegazioni quasi logiche sul “perchè” di alcune attività paranormali, per quanto riguarda la lettura essa non ha un ordine cronologico specifico da seguire, infatti molte delle sue avventure giovanili, sono raccontate come un Flashback, e quindi ogni avventura è un avventura a se stante, anche se in alcuni casi esse si collegano per alcuni dettagli, quidni per chi non ha la collezione completa, può comunque dirsi soddisfatto e per chi trovasse alcuni di tali volumi, anche se la serie non è completa, essa non genera “buchi” narrativi, rendondovi piacevole la lettura senza nessun problema.

Marco Giovanni Lupani
Latest posts by Marco Giovanni Lupani (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *