E' finalmente online un breve ma interessante teser – trailer della della promettente opera che Production I.G. ha coprodotto con Fuji TV, il film d’animazone , ovvero L’Isola di Oblivion: Haruka e lo specchio magico. Affidato alla direzione di Shinsuke Sato e alla sceneggiatura di Hirotaka Adachi, il film rappresenta il primo frutto di una cooperazione nel campo della computer grafica fra le due società, settore in cui entrambe hanno investito molte risorse, anche perché si tratta di celebrare il 50° anniversario del network giapponese.
 

Lo staff riunito per Oblivion, che nulla ha a che vedere con l’omonimo videogioco di Bethesda Softworks, ha dedicato ben tre anni allo sviluppo di un sistema proprietario che trasformi i disegni, in origine realizzati nel classico 2D, in immagini tridimensionali da assemblare poi nel film. Il gruppo di lavoro, composto da ben duecento persone, è stato congiunto sotto l'etichetta IG-FIX Studio (il team ha contribuito agli OAV di Freedom per Katsuhiro Otomo) e posto sotto la direzione di Yasuharu Suido, produttore, tra le altre cose, della serie animata Gainax di Abenobashi. Lo scopo di Fuji TV, uno dei maggiori gruppi televisivi nipponici, è quello di consolidare, attraverso questa partnership con Production I.G., la propria presenza nel campo dell'animazione, sia in patria, ponendosi come alternativa all'avanzata di Disney, ma anche all'estero.

 

Da parte sua, Production I.G. si ripromette, con quest'opera, non solo di superare i canoni dei tradizionali film in CGI giapponesi legati alle animazioni dei Pokémon e di Doraemon, o a film come Sky Crawlers del regista Mamoru Oshii, ma di lanciare contemporaneamente una sfida ai classici dell’animazione dello Studio Ghibli: come dichiarato dal produttore Daisuke Sekiguchi, si è voluto realizzare “un film divertente che potrà essere visto dalle famiglie”. [Guarda il Trailer]

 

La trama: La pietra brillante raccolta nel parco, il libro di immagini che sfogliamo e risfogliamo, il nostro peluche, la maglia che abbiamo messo così tante volte da distruggerla… In questa storia scopriremo le fantastiche creature che raccolgono tutti questi piccoli oggetti che si sono perduti, caduti nell'oblio quando i proprietari, noi, sono diventati grandi.Esse arrivano da un'altra dimensione ed entrano nel mondo degli uomini per impadronirsi, senza essere visti, dei “tesori” abbandonati e dimenticati, per portarli nel loro mondo e usarli per costruire la loro città, un luogo di fiabe conosciuto come Oblivion Island.


Haruka è una ragazzina come tante, orfana di madre, cresciuta dal padre. Il film ha inizio con una visita al santuario di Inari a Musashino, a Tokyo. Qui, con sua grande sorpresa, Haruka vede una volpe, Theo, o qualcosa che le somiglia, correre via con un aereo giocattolo. Inseguendola si ritroverà sulla magica Isola di Oblivion, dove ritroverà l'orso di peluche con il quale giocava da bambina e molti altri oggetti che le faranno affiorare ricordi che credeva perduti. Ma la presenza di esseri umani non è prevista su Oblivion e il Barone, colui che governa l'isola, inizierà a darle la caccia. Riuscirà Haruka a lasciare l’Isola con i suoi ricordi? Il film è atteso nelle sale giapponesi per il 22 agosto, distribuito da Toho.

 

 

Permettete di dedicare questa notizia ad una persona di cui è venuta a mancare,ben recentemente,la presenza fisca,ma non certamente la memoria,e la presenza spirituale,una sognatrice autentica: Caterina Cantone

 
www.satyrnet.it/joomla/index.php?option=com_content&task=view&id=3825&Itemid=103
www.facebook.com/group.php?gid=88835839432
 
 

 
 Grazie a Debris

admin
Latest posts by admin (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *