Mese nuovo, articolo nuovo, Waifu nuova. Nei mesi scorsi vi avevo promesso che avrei parlato e pubblicato qualcosa a riguardo delle Waifu.

Questo articolo si dividerà in due sezioni, nella prima parleremo della nuova Waifu che sta scalando le classifiche in questo momento, nella seconda parte andremo a vedere da dove nasce il fenomeno e il suo significato.

Preciso che in questo articolo non faremo la classifica delle Waifu che si sono avvicendate nei cuori di tutti, (se l’idea vi solletica pubblicheremo sulla pagina Facebook di Satyrnet un sondaggio con diverse Waifu, quindi fatevi sentire).

Prima di iniziare volevo dirvi che al momento di questa stesura, per problemi di tempistica non ho ancora visto l’anime (che recupererò il prima possibile), quindi mi dovete perdonare se ci fossero delle inesattezze sul personaggio di Sumireko Sanshokuin.

Esatto! Parleremo proprio di Sumireko Sanshokuin, la co-protagonista del manga e anime Ore wo Suki nano wa Omae dake ka yo, abbreviato ufficialmente in Oresuki. La traduzione in italiano del titolo dovrebbe suonare più o meno così:

“L’unica a cui piaccio sei tu?!”

Qui di seguito un accenno di trama senza spoiler:

Due bellissime ragazze chiedono a Joro, il nostro protagonista, di uscire con lui. Alla fine di ogni appuntamento, gli verrà rivelato che sono innamorate di… qualcun altro! Vogliono solo che Joro le aiuti nel conquistare il ragazzo che amano. Ma lui si sente ingannato e usato e decide di pianificare una vendetta… E questo è solo l’inizio!

Ma torniamo dalla nostra amata Waifu

Sumireko Sanshokuin, come detto prima, è un personaggio principale di Oresuki ed è una studentessa del secondo anno delle superiori e lavora come assistente nella biblioteca della scuola. A volte viene chiamata con il suo soprannome, Pansy (una curiosità, i personaggi hanno nomi normali e comuni, ma i soprannomi che hanno ricevuto dagli altri hanno tutti a che fare con il giardinaggio!)

È nata il 31 dicembre ed è alta 160 centimetri, pesa 57kg, e i suoi occhi sono di colore blu.

Mentre a scuola Pansy sembra una ragazza piccola e semplice, con lunghi capelli neri legati in trecce, e con spessi occhiali, fuori dalla scuola è una bellezza meravigliosa e viene disegnata con una dimensione del seno molto più grande di quella che in genere viene mostrata.

Qui terminiamo la caratterizzazione di Sumireko, probabilmente approfondirò appena avrò visto e terminato l’anime che la riguarda.

In questa seconda parte, ci addentreremo invece nel significato di Waifu.

Il waifuismo è abbastanza recente nella cultura otaku, Google registra la prima apparizione significativa della parola Waifu nel novembre 2007, tuttavia la parola Waifu ha una storia più estesa al di fuori della cultura otaku.

Waifu è preso in prestito dall’inglese e appare nel lessico giapponese all’inizio degli anni ’80.

Le dinamiche tra marito e moglie continuarono a cambiare in modi che rendevano il modo tradizionale di riferirsi a una donna come una moglie, offensiva per le giovani coppie. Kanai, la parola per moglie che usa due caratteri cinesi che significa “dentro casa” è diventata discutibile per molte giovani donne. Allo stesso modo, la parola per marito, shujin o danna, si traduce approssimativamente in “padrone”. Poiché queste parole non corrispondono alla loro relazione, molte coppie hanno adattato le parole inglesi marito e moglie. Naturalmente, le parole sono leggermente cambiate nella pronuncia. La wife (moglio) divenne waifu. Il Husband (marito) è diventato hazu.

Queste parole sono state lentamente raccolte dai fan americani di anime / manga e sono state usate per riferirsi ai loro personaggi immaginari preferiti. Si pensa che l’anime Azumanga Daioh sia uno degli anime che ha reso popolare l’uso della parola waifu (Waifu, 2010). Tuttavia, le parole erano nel lessico giapponese e usate dagli anime molto prima di questa divulgazione.

In ogni caso, una waifu è un personaggio immaginario che una persona ama e alcune persone si avvicinano casualmente al waifuismo. È qualcosa di divertente e temporaneo e dall’altro lato ci sono quelli che prendono sul serio il rapporto, indossano una fede nuziale per simboleggiare il matrimonio con la loro waifu. Tentano anche di basare le loro decisioni su ciò che la loro Waifu vorrebbe.

Quindi, per definire la parola:

Waifu / w ī foo / ( sostantivo ) 1. personaggio immaginario verso cui una persona sente affetto. 2. personaggio immaginario considerato coniuge. 3. Parola giapponese derivata dalla parola inglese “wife”.

sinonimi: husbando, mai waifu

Chiudiamo qui questo articolo anche se ci sarebbero gli aspetti psicologi e sessuali, ma non credo che questa sia la sede adatta, quindi ci fermeremo qui, ma vi lascio con due siti internet che riguardano le waifu;

www.mywaifulist.moe

Lista di tutte (forse) waifu che sono comparse

www.waifulabs.com

Un’intelligenza artificiale crearà la waifu perfetta per voi

Quindi vi auguro un buon Lucca Comics a tutti e…

Buon nuovo articolo a tutti e a presto!

Claudio

Claudio si occupa di grafica e animazione. Si interessa in particolar modo di manga e anime e gli piace fare cosplay. Recentemente è nata in lui la passione per il Doctor Who.
Claudio

Latest posts by Claudio (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *