The Last Of Us Part.2. Esclusiva PS4, giocato su PS4 Pro Gamma. Platino N.98. Dopo 7 anni dal primo capitolo The Last of Us, Ellie e Joel ritorano più forti di prima, sono cresciuti. Partendo dal presupposto che da un titolo del genere e da chi ci ha lavorato dietro “Naughty Dog”, da questa serie, dopo questi anni si aspettava assolutamente un titolo eccellente ed è stato così. Questo titolo lo reputo un masterpiece, il lavoro dietro questo titolo si nota già dai primi minuti di gioco, l’impegno e l’amore verso questi personaggi aumenta sempre di più, quasi da farli diventare reali.

Poco dopo tempo aver provato questo titolo ho notato subito le piccole correzioni sul gameplay che sono state fatte dal primo titolo, infatti le hanno corrette e reso perfette rimanendo invariabili. Se proprio devo trovare una critica sul gameplay, mi riferisco alle capriole. Lo so su un titolo del genere non sono necessarie, ma se c’erano diventava il tutto ancora più perfetto, secondo il mio parere. Ma va bene così, hanno fatto bene a non cambiare. Dopo il gameplay, il comparto tecnico, la grafica e attenzione le espressioni facciali, sono un qualcosa di straordinario, pensate che l’ottimizzazione su una console del genere PS4 e poi pompato sulla sua mid gen PS4 Pro rendono questo titolo invincibile e nel suo genere insuperabile, perchè ha tutte le carte in regola di un prodotto eccellente senza rivali, su tutti i punti Gameplay, Grafica, Colonna Sonora.

Proseguendo su questo survival horror, mi sono affezionato a personaggi aggiuntivi dal nome di Dina e Abby. Secondo me con un personaggio del genere, mi riferisco ad Abby, è facile creare un nuovo titolo diverso da The Last of Us, perchè è stata fatta veramente bene. Tanto che mi sono piaciute le espresione facciali e il modo di come si ponevano i personaggi, mi esprimevano tutto: Emozione, angoscia, ansia. Un mix di emozioni in salita fino a che non arrivi alla fine di un capitolo, non vedi l’ora di sapere cosa succede dopo e nel frattempo l’asia ti assale per i vari combattimenti/sparatorie e per i Clicker infuriati, pronti ad ucciderti.

Da un titolo del genere mi aspettavo dei momenti importanti, di forte emozione e ci sono stati, peccato però che ad un certo punto, credo che hanno voluto allungare la trama per farci conoscere di più il personaggio: Abby. Detto questo io l’ho terminato con una durata di circa 33 ore la prima volta e l’ho anche platinato, perlustrando bene e analizzando ogni singolo posto alla ricerca di provviste, collezionabili, tra cui carte, monete e non vedevo l’ora di capire il motivo di tutto questo.

Non sto qui a dirvi come procede la storia di quest’opera d’arte, ma vi consiglio, anzi obbligo, per chi veramente ama questo mondo: I videogiochi, di provare questa esperienza, perchè un titolo del genere fa parte proprio dei migliori videogiochi della nostra vita. Spero tanto che sulla next gen posso ammirare altri lavori del genere, perchè con questi capolavori la nostra passione si rinforza e diventa migliore.

Voto 10. Applausi!

*Ludevil*

Luigi Apolito
Seguimi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *