La memoria dell’acqua, la vita che scorre lentamente, la vita che  nella ragione a volte si confonde, la vita che ha bisogno dei sogni e dell’immaginazione, la vita che non aspira alla perfezione, ma che da essa rifugge. La memoria dell’acqua, la nascita di tutte le cose, il trasformarsi, il divenire pensiero e turbamento, per poi ritornare nell’esatto punto di partenza, e da lì cominciare un altro percorso, fino alla fine. Istinto e armonia, con la ragione a equilibrare, laddove c’è necessità. La memoria dell’acqua, il fluire dei sogni, l’istinto che diviene legge: era quello il segreto dell’esistenza, era quello il segreto d’Egretus? […] La nuova frontiera del racconto filosofico. Echi orwelliani, leopardiani, finanche danteschi, giù fino a Virgilio ed Omero, connotano questa fluida narrazione, questa riproposizione in chiave postmoderna di una nuova mitologia, didascalica come le favole di Esopo e Fedro. (Elisabetta Blasi)

 

Antonio Messina è nato a Partanna  e vive a Padova. Ha pubblicato nel 2003 il Fantasy” L’assurdo respiro delle cose tremule”, opera che ha riscosso un buon successo di critica e di pubblico. Racconti sono stati pubblicati sulle riviste cartacee-Progetto Babele( Modena)-Tam Tam( Roma)-Gemellae ( Sardegna) e su riviste internazionali: Casa da Cultura( Portogallo) e Isla Negra. Liriche sono state pubblicate in antologie poetiche-I Segreti di Pulcinella- Penna d’Oca-Parole d’Amore( Giulio Perrone editore-Roma).-Sezione poetica Biennale di Venezia 2005-Repubblica.it.

Inoltre i racconti La Marea e L’ombra nella Bottiglia sono visibili sui migliori portali di letteratura.

admin

C'è un mondo intero, c'è cultura, c'è Sapere, ci sono decine di migliaia di appassionati che come noi vogliono crescere senza però abbandonare il sorriso e la capacità di sognare.
admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *