Anche quest’anno torna il festival più importante e più ambito dagli appassionati non solo della cultura nerd, ma anche del Giappone: si tratta ovviamente del Lucca Comics & Games. Oltre ad essere il più longevo e il più numericamente importante, il festival di Lucca è unico nel suo genere anche per la localizzazione all’interno delle mura della città, invece dei soliti capannoni fieristici spesso un po’ tristi e grigi. Solo per questo aspetto il festival merita di essere visitato, ma veniamo ai contenuti.

Col passare degli anni il festival è cresciuto, si è sviluppato e sempre maggiore spazio è stato dedicato al Giappone, all’interno del Japan Town e non solo. E se si parla di Giappone non si può non citare l’associazione Ochacaffè, da sempre attiva nella promozione di tutti gli aspetti del Giappone, dalla cultura alla lingua, nonché organizzatrice di eventi, workshop, sfilate. L’associazione in quindici anni di vita ha aiutato tantissime persone interessate a conoscere meglio tutto ciò che riguarda il paese del Sol Levante, ha fornito assistenza nelle pratiche per i viaggi in Giappone, ha organizzato numerosi workshop, dagli origami ai seminari sullo studio Ghibli ed eventi legati agli aspetti più caratteristici della cultura giapponese.

Il primo ospite che presentiamo è Goldy, un cosplayer che si è fatto conoscere negli ultimi tempi per le sue grandi armature da robot. La sua grandissima abilità tecnica insieme ad un sapiente utilizzo dei materiali gli permette di realizzare da solo dei costumi dalla meccanica perfetta. Le grandi dimensioni e l’incredibile leggerezza delle sue armature sono solo due delle caratteristiche che rendono le sue sfilate in cosplay uno spettacolo vero e proprio. Per questo Goldy è spesso ospite di eventi fuori dal Giappone con le sue creazioni, e lo sarà anche al Lucca C&G di quest’anno. E’ stato invitato grazie all’interesse della Ambasciata giapponese in Italia, molto attenta anche a questo tipo di cultura pop.

Ci sarà anche il gruppo di danzatori professionisti Takarabune. Si tratta di danzatori di Awa Odori, una danza tradizionale giapponese originaria della città di Tokushima. Il gruppo è lanciatissimo e molto apprezzato, tanto che ogni anni fa circa 250 spettacoli in tutto il mondo. Takarabune è ospite a Lucca di Istituto Giapponese di Cultura di Roma. È stato ospite di festival importanti sia in Europa che negli Stati Uniti che in patria, dove ha partecipato anche a vari contest vincendo dei premi. Il gruppo è sempre più attivo e collabora con tanti tipi diversi di artisti. A Lucca porteranno il loro mini-showcase sabato sera, alle 23.00 sul palco principale, e l’intero concerto domenica pomeriggio alle 14.30.

Tra i vari ospiti citiamo anche la cantante Eriko, cantante di K-ble Jungle, con il suo canale YouTube Erikottero seguitissimo dagli amanti della cultura pop giapponese, che conta più di 30.000 iscritti. Al Japan Town di Lucca farà delle presentazioni sulla lingua giapponese e sui viaggi studio in Giappone. Per chi non lo conoscesse, ecco il canale: https://www.youtube.com/c/kjerikottero . Il suo concerto è previsto il 2 novembre, in tardo pomeriggio, sul Japan Stage.

Altre attività coinvolgono le aspiranti idol italiane che, sotto la coordinazione di Idol Stage, vedranno le giovani cantanti e ballerine esibirsi ogni giorno sul palco del Japan Stage. Cantano in giapponese e presentano coreografie di grande interesse, ispirandosi alle idol giapponesi anche nei costumi e nelle movenze.

 

Gianluca Falletta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *