Dopo venticinque anni dall’uscita del grande classico Disney il più amato da varie schiere di generazioni, il 21 agosto 2019 uscirà nelle sale la versione photo real del “Il Re Leone”, diretto da Jon Favreau. La storia amletica del Il Re Leone è diventata un punto di riferimento che tutti conoscono e accettano. Compare nel mondo della musica, nelle serie televisive, in spettacoli comici e sketch vari. Viene continuamente citata. È diventata una parte davvero profonda della nostra cultura. Il Classico Disney del 1994 è considerato all’unanimità un capolavoro dell’animazione e adorato da fan in tutto il mondo, vinse premi Oscar® per la Miglior canzone originale,“Can You Feel the Love Tonight/L’amore è nell’aria stasera” (Elton John, Tim Rice) e la miglior colonna sonora originale(Hans Zimmer).

In questa nuova lettura il Regista ha dimostrato di poter rispettare il film originale ma allo stesso tempo è riuscito a dargli vita utilizzando tecniche e tecnologie all’avanguardia capaci di lasciare tutti a bocca aperta. Il suo approccio contemporaneo ha aggiunto sfumature, emozioni e realismo al film. Favreau dopo “Il libro nella giungla” ha alzato ulteriormente l’asticella e ha curato le immagini nel dettaglio più piccolo con inquadrature e ambientazioni non sempre perfette proprio per amplificare la sensazione di realismo. Oltre alle tecnologie all’avanguardia non si è perso il focus sulla storia, infatti è stato preservato lo spirito originale del film permettendo allo stesso tempo alle interpretazioni, all’arte, alla musica e all’umorismo di svilupparsi in modo naturale.

Infatti, noi amanti del grande classico, possiamo solo rimanere esterrefatti e tornare bambini per 118 minuti. Per chi, come me, è amante dell’animazione e delle nuove tecnologie cinematografiche non può che godersi il livello di qualità dell’immagine in questo film. Il regista durante la premier mondiale a Los Angeles ha sfidato gli spettatori a trovare le uniche due immagini reali in tutto il film, io le sto ancora cercando!

Sono state aggiunte poche scene rispetto all’originale, ma anche queste sono state inglobate nella trama, non disturbano la storia originale anzi in realtà aiutano a colmare dei piccoli buchi presenti nella pellicola del 1994.

Nella versione italiana la voce di Simba, destinato a essere un potente re fin dalla nascita, è quella del recordman e star del pop italiano Marco Mengoni ed invece la star internazionale Elisa è la voce di Nala, amica di Simba fin da cucciola. E con una fenomale interpretazione ironica Edoardo Leo è Timon, lo spiritoso suricato che insieme al suo migliore amico facocero Pumba, interpretato da Stefano Fresi,soccorre Simba dopo che quest’ultimo fugge dalla Rupe dei Re. Il film inoltre vede la cantante e vocal coach americana che vive in Italia Cheryl Porter interpretare con la sua potente voce “Il Cerchio della Vita” nella colonna sonora italiana.

Ottavia Valentini

Mi chiamo Ottavia Valentini e ho 27 anni, originaria di Viterbo. Tre aggettivi per descrivermi? Sognatrice, Curiosa e Viaggiatrice. La mia prima passione è l'Animazione 3D. Nel 2014, ho conseguito la Laurea triennale in CG Animation presso lED, a Roma. Dopo di che, ho partecipato a un corso di 4 mesi “PRO 3D Character Animation” al Animation Workshop, tenutosi a Viborg, in Danimarca. Attualmente lavoro come Visual Designer per importanti produzioni nazionali e internazionali.
Ottavia Valentini

Latest posts by Ottavia Valentini (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *