Tutte le poesie di Edgar Allan Poe (oltre 50) tradotte dal poeta Premio Bram Stoker Award ed Elgin Award Alessandro Manzetti. Illustrazioni interne tematiche di Stefano Cardoselli.

Contenuti Extra: 4 libere interpretazioni di poesie di Poe (Il Verme Conquistatore, Il Corvo, Ulalume e Sonetto alla Scienza) dei Premi Bram Stoker Award Linda D. Addison (pubblicata per la prima volta in lingua italiana) e Alessandro Manzetti.

EDGAR ALLAN POE, (Boston, 1809 – Baltimora, 1849) narratore e critico statunitense. Rimasto orfano all’età di due anni di entrambi i genitori, attori di una compagnia itinerante, fu adottato da John Allan, mercante di tabacco di Richmond, Virginia, e da sua moglie Francis.

Dopo un lungo soggiorno (1815-20) in Inghilterra e in Scozia, proseguì gli studî a Richmond, componendo le prime poesie d’ispirazione romantica, e frequentò per un anno (1826) l’Università della Virginia. In seguito agli screzî col padre adottivo si recò a Boston, dove, arruolatosi nell’esercito, pubblicò la prima raccolta di poesie, Tamerlane and other poems (1827). Due anni dopo si trasferì a Baltimora, presso la zia paterna (madre di Virginia Clemm che P. sposerà, appena quattordicenne, nel 1836), pubblicando il lungo poema Al Aaraaf (1829), ed entrò nell’Accademia militare di West Point (1831), da cui venne espulso dopo pochi mesi per negligenza e insubordinazione.

Rotti definitivamente i rapporti con J. Allan, pubblicò una seconda edizione delle sue poesie, cimentandosi intanto con i primi racconti, tra cui Metzengerstein (1832) e The manuscript found in a bottle (1833). Al 1835 risale il suo ingresso nel giornalismo, presso il Southern literary messenger, attività destinata a rimanere la sua maggiore fonte di sostentamento. Nel 1838 pubblicò il suo unico romanzo, The narrative of Arthur Gordon Pym, fantastica ricostruzione di un avventuroso viaggio al polo Sud, mentre apparivano su riviste alcuni dei suoi più famosi racconti, da Ligeia (1838) a The fall of the house of Usher (1839), raccolti poco dopo in Tales of the grotesque and arabesque (1840).

Passato dal Gentlemen’s magazine al Graham’s magazine, accrebbe la sua fama di critico e scrittore grazie a penetranti saggi su autori quali Ch.Dickens, H. W. Longfellow, J. F. Cooper e N. Hawthorne, e a racconti di grande richiamo, tra cui The murders of the rue Morgue (1841), The masque of the red death e The pit and the pendulum (1842), e The purloined letter (1844). L’anno successivo la sua produzione si arricchì di una seconda raccolta di racconti, Tales by Edgar A. Poe, e del celeberrimo brano di poesia The raven, raccolto in The raven and other poems (1845), cui farà seguito il suo saggio critico più famoso, The philosophy of composition (1846).

Il rapido deterioramento psicofisico di cui fu vittima dopo la morte della moglie (1847) non gli impedì di trovare un rinnovato impegno in poesia (Ulalume, The bells, la seconda To Helen) e di completare Eureka (1848), summa del suo pensiero filosofico. Morì durante un giro di conferenze dedicate al suo ultimo elaborato teorico, The poetic of principle (1849)

Independent Legions Publishing
ISBN (Edizione Cartacea) 978-88-31959-53-7
Pubblicazione: Dicembre 2019
Edizione Collection – Tiratura Limitata (200 copie numerate)
Collana: Spectres
Pagine: 200 – Brossurato, stampa su carta 120 grammi
Lingua: Italiano
Illustrazione di copertina: Wendy Saber Core
Illustrazioni interne: Stefano Cardoselli
Traduzione di Alessandro Manzetti
Prezzo di copertina (Ed. Cartacea Collection): €15,90
Store dell’editore
www.independentlegions.com/store/p223/ilcorvo.htm

Enrico Ruocco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *