correre

Visto l’interesse di questi giorni sull’immaginario mediatico della Marvel e, in particolare, sull’agenzia segreta terroristica HYDRA (e il suo coinvolgimento con Captain America!), vi parliamo di una possibile analogia tra l’ente neonazista fittizia e un’analoga, presunta, agenzia italiana dell’epoca fascista, l’OVRA. Ad accumunare le due entità, oltre che l’ideologia, anche la simbologia legata ispirata alle creature “tentacolari”.

L’HYDRA è un’organizzazione terroristica immaginaria creata da Stan Lee e Jack Kirby, pubblicata nel 1965 dalla Marvel Comics. L’organizzazione criminale, acerrima nemica dello S.H.I.E.L.D., è stata fondata durante la seconda guerra mondiale e determinata a conquistare il mondo tramite attività terroristiche e sovversive su vari fronti al fine di instituire un nuovo ordine mondiale di stampo fascista. Gli agenti dell’HYDRA sono suddivisi in una scala gerarchica che va da semplice agente fino a Supremo Hydra, per gli uomini, e Madame Hydra, per le donne. Il massimo organo di comando dell’organizzazione è il Consiglio dell’HYDRA, mentre il suo supremo leader e fondatore è il Barone Strucker. Oltre a comuni esseri umani, l’HYDRA si compone anche da numerosi individuoi con superpoteri, esegue spesso esperimenti genetici sui suoi stessi agenti per potenziarli e collabora di frequente con supercriminali o altre organizzazioni criminose. I soli requisiti richiesti per diventare un membro dell’HYDRA sono essere un adulto consenziente disposto a sottomettersi a un esame approfondito della storia personale da parte del richiedente e a giurare di rimanere fedele fino alla morte all’organizzazione e ai suoi principi.

L’OVRA è stata la polizia segreta dell’Italia fascista dal 1930 al 1943 e nella Repubblica Sociale Italiana dal 1943 al 1945. Compito dell’OVRA era la vigilanza e la repressione di organizzazioni sovversive, giornali contro lo Stato e gruppi di stranieri. Ma, a quanto pare non era il suo unico compito. Nel 2000, l’ufologo Roberto Pinotti ha annunciato di avere ricevuto da una fonte anonima materiali, proveniente da presunti archivi fascisti, riguardanti un disco volante che si sarebbe schiantato nei pressi di Milano nel 1933, circa 14 anni prima dell’incidente di Roswell nel Nuovo Messico. Ne sarebbe seguita un’indagine, condotta dalla stessa OVRA, in particolare da un sedicente Gabinetto RS/33 (RS starebbe per “Ricerche Speciali”), autorizzato dallo stesso Benito Mussolini. L’ufficio “Ricerche Speciali 33″ era composto, tra gli altri, da Galeazzo Ciano, delfino del duce, da Italo Balbo, pioniere del volo, dal suo braccio destro Filippo Eredia, da Guglielmo Marconi, illustre scienziato e convinto sostenitore della vita extraterrestre, cui fu affidata la presidenza, dall’ingegnere aeronautico Crocco, che nel 1934/35 studiava la fattibilità di un viaggio sulla Luna, da Giancarlo Vallauri professore di elettrotecnica e ferromagnetismo ed accademico dei Lincei, ma anche da Dante De Blasi medico igienista delle università di Napoli e Roma, Filippo Bottazzi chirurgo e biologo sperimentale dell’Università di Napoli. Nonostante la copertura dell’OVRA, nel 1941 i fascicoli dell’indagine sarebbero caduti nelle mani della Gestapo, per l’avvio di un analogo programma nazista da condurre in cooperazione con l’Ahnenerbe.

Non sappiamo dirvi se Stan Lee si sia ispirato all’OVRA italiana per creare la sua HYDRA: probabilmente no, anzi con certezza il compito dell’agenzia italiano era scevro da ogni componente mistica / esoterica ed era solo, purtroppo, uno strumento di repressione politica. Fatto sta che ci diverte pensare che anche nel nostro paese possano celarsi fatti storici “inspiegabili” e che potrebbere essere ispirazione per trasposizioni letterarie, fumettistiche o cinematografiche degne di essere condivise a livello globale: Avenger Italiani, vi stiamo aspettando!

Gianluca Falletta
Latest posts by Gianluca Falletta (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *