Hilda, serie animata anglo- canadese basata sull’omonima graphic novel di Luke Pearson e disponibile in esclusiva sulla piattaforma streaming Netflix è forse passato in sordina, data l’uscita quasi contemporanea del riuscitissimo Disincanto di Matt Groening.

Ma Hilda, una ragazzina dai capelli blu, cresciuta nella natura selvaggia, dotata di grande immaginazione e spirito avventuriero non ha nulla da invidiare alla principessa Bean, anzi, tutto il contrario.
Sebbene a prima vista, causa i disegni semplici  dalle forme tondeggianti e i colori sgargianti, la farebbero apparire infantile, basta però guardare un paio di puntate per capire che Hilda è molto più che una serie tv per bambini.
Molti sono i temi che tratta e molti di questi sono sempre attuali, come: la tolleranza, il rapporto genitori\figli, il passaggio dall’infanzia all’adolescenza, l’amicizia, le fobie e molte altre questioni che ci inducono a riflettere su noi stessi e sul mondo in cui viviamo.
A fare da cornice a tutto ciò, un mondo fatato, che attinge a mitologie, fiabe, favole e racconti popolari, proponendoceli in piccole pillole, in modo leggero, stuzzicando e solleticando la curiosità dello spettatore nel volerne sapere di più e sfidando la memoria dei più avvezzi.
Cercando di non fare spoiler di alcun tipo, troverete qui sotto un elenco delle creature che fanno la loro comparsa nei tredici episodi di cui si compone la serie, andando a formare un vero e proprio bestiario da fiaba.


– Troll: 

Il troll è una figura delle foreste settentrionali, che vive e popola la mitologia scandinava ed è ben presente nei racconti popolari anglosassoni.

Essendo il troll una figura che ha alle sue spalle una larga tradizione folklorica orale e di grande estensione geografica, è quasi impossibile darne una descrizione che riesca a mettere tutti d’accordo.

Ci basti ricordare in questo caso che i troll hanno una grossa avversione verso la luce solare, che li tramuta in pietra, vivendo una vita fondamentalmente notturna.

Molto spesso però vengono confusi con quelli che chiamiamo Orchi.

-Il Popolo Nascosto:

Meglio conosciuti come Sidhe, parola che in Gaelico indica il popolo fatato, noto anche come piccolo popolo. Di solito non si compone di soli elfi, ma racchiude nella sua variegata forma anche fate, folletti e gnomi.

Fiabe, leggende in racconti sono ravvisabili ancora oggi in Irlanda e nei paesi scandinavi, dove gran parte della popolazione tutt’ora crede nell’esistenza di tali spiriti fatati e si adopera nel tutelarli e preservarli.

La particolarità in Hilda è che gli elfi sono ossessionati dalla burocrazia… Per fortuna non tutti!

– Giganti 

Una figura nota a tutte le mitologie indoeuropee, sono dotati di diverse caratteristiche. Una figura che si è evoluta nel corso dei secoli fino ad arrivare a popolare fiabe e favole, conquistando la letteratura più alta. Considerati per lo più come aggressivi, istintivi e mangiatori di uomini, finiscono per diventare anche intelligenti ed amichevoli. Ne esistono di diversi tipi, tutti legati ad una caratteristica della terra, dai fiumi, alle foreste fino alle montagne.

Nella puntata a loro dedicata, i giganti hanno in serbo per noi una piacevole sorpresa e saranno in grado di insegnarci qualcosa di molto importante e positivo.

– Uccello del Tuono

Conosciuto per lo più tra i Nativi Americani, ha l’aspetto di un grosso rapace. In Hilda, invece assume la figura di un corvo, inducendo a prima vista nel cadere in errore e considerarlo uno degli animali sacri ad Odino.

Che l’instillarci questo dubbio, senza poi darci una risposta chiara, non sia poi appositamente voluta?

-Marra – Spiriti degli incubi-

Conosciuti come Mare nelle antiche lingue germaniche, sono delle entità maligne, che hanno la pessima abitudine di sedersi sul petto del dormiente ed indurlo in incubi terribili, facendo leva sulle loro più profonde paure.

Chissà perchè Luke Pearson le abbia volute rappresentare come delle adolescenti.

– Re dei Ratti:

Presente nei racconti e nel folkore popolare Europeo, il re dei ratti, una creatura formata da miriadi di topi e ratti aventi le code intrecciate tra di loro, si è presto trasferito dalle narrazioni orali alla letteratura. Visto come un brutto presagio, segno di carestia e pestilenze. Il Re dei ratti ama anche raccogliere segreti che ode nelle case e nelle strade e scambiarli con chi ha la sfortuna (o la fortuna) di trovarlo sul suo cammino.

– Nisse:

Conosciuto anche come Tonttu, il nisse è una creatura che vive nel Folklore scandinavo ed è ben  presente nei racconti, nelle fiabe e nelle favole delle terre del nord.

Spesso associato con il Natale ed il solstizio d’Inverno, il Nisse è considerato uno spirito protettore della casa: si annida negli spazi vuoti e non visti e si fa protettore delle cose perse e dimenticate.

Il Nisse è stato reso celebre dal noto scrittore danese H.C. Andersen, è uno spirito che ha abitato le fredde terre scandinave da ben prima che i culti Cristiani le raggiungessero, arrivando fino a noi ben presente nelle memorie e nelle credenze degli abitanti del nord Europa. Spesso la sua figura è stata travisata, ed è cambiata, fino a trasformarsi in Goblin.

– Barghest:

Tipico del Folklore del nord dell’Inghilterra, il Barghest è spesso rappresentato come un grosso e feroce mastino nero dotato di zanne ed artigli molto affilati. È considerato un demone di montagna o un fantasma di paese, a seconda del racconto cui si fa riferimento. Sicuro che avvistarne uno spesso è considerato un presagio di morte.

Ma Hilda, come sempre ci stupisce e ci insegna, che non tutti i Barghest sono così cattivi e che non sempre bisogna fare affidamento sulle apparenze o sulle dicerie.

Arrivati alla fine di questo piccolissimo bestiario, vorrei sfidarvi a trovare in Hilda altri piccoli particolari che richiamino il Folkore, le favole, le fiabe e la mitologia in generale. Particolari come, la scrittura runica, o fare particolare attenzione alla figura della bibliotecaria che ha tutta l’aria di essere una strega e, soprattutto un invito a godervi questo piccolo gioiello dell’animazione.

P.S: Sappiate che Hilda ha un cervolpe (Twig) come animale domestico e questo vale tutta la serie.

Articolo di Michela Catalani.

Avatar
Latest posts by Michela Catalani (see all)

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *