Come certamente saprete il 7 aprile scorso  la franchise di Gundam ha compiuto 40 anni, Un anniversario importante, sono poche le franchise storiche che possono vantare un simile traguardo, e altrettanto poche sono quelle che dimostrano autentica vitalità.  Nel corso dei mesi sarà celebrato con concerti, eventi ed  iniziative che si svolgeranno durante tutto quest’anno.( anche in Italia)  Molti anche gli interventi sul web gli omaggi ed i tributi che sono stati fatti al Gundam – ne trovate una piccola raccolta sul nostro blog Gundam 40th Anniversary Tributes degli artisti e dei fan.

Nelle note qui sotto vi segnaliamo la lunga ed articolata nota proposta da Animeclick ed un bell’intervento di Eleonora Nappi (link), Webmaster di Gundamverse, il nostro non gemello. Ma innanzitutto permettetemi una citazione di Davide Castellazzi, che tanto ha fatto negli anni per la diffusione dei manga, dell’animazione. nipponica, ed anche del Gundam in questi anni…e che risponde ad una domanda che da tempo ci siamo proposti: “Perché Gundam ha avuto questo grande e duraturo successo, sopravvivendo a cadute, contraddizioni, errori?”.

In questo 2019 Gundam compie quarant’anni, per l’esattezza li ha compiuti ieri, 7 aprile. Ma questa formidabile serie robotica non si merita di essere celebrata solo per motivi anagrafici, bensì per essere stata foriera di molte innovazioni nel mondo degli anime, e nel filone dei robot giganti in particolare… Senza Gundam, forse non ci sarebbe stato Evangelion e tutta una lunga serie di robot moderni che hanno entusiasmato gli appassionati di anime fino al XXI secolo… Nel realizzare Gundam il maggior pregio del suo principale artefice, Yoshiyuki Tomino, è stato quello di non considerare i suoi giovani spettatori come “spugne” pronte ad assorbire qualsiasi cosa purché contenente giganti di metallo e scontri a colpi di pugni rotanti, bensì un pubblico attento e capace di distinguere una storia banale da una intelligente, dei personaggi macchietta da character realistici e credibili… La mezzoretta di durata di una puntata televisiva è stata trasformata da semplice intrattenimento, pura evasione, a momento di riflessione sul valore dell’uomo e sulla crudeltà della guerra. È per questo motivo che la serie di Gundam continua ad appassionare gli spettatori di tutto il mondo e a fornire spunti per nuove serie. Una buona storia è eterna. Buon compleanno, Gundam.”

E non è solo Mobile Suit Gundam a compiere 40 anni, quest’anno cade anche il 20 esimo anniversario di Turn A Gundam ed 25 anni di G Gundam. Una serie che ha avuto un peso essenziale per la vita della Franchise di Gundam. Scusate la lunghezza della nota ed i molti link.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *