avvistamentoPotrebbe sembrare a prima vista uno scherzo o un pesce d’aprile, eppure è vero ed esiste: un fascicolo del Corpo Forestale dello Stato, tutto dedicato alle creature dei boschi, quelle creature fantastiche di cui si è tanto letto e visto nei film. Il fascicolo, aperto 15 anni fa, è corredato da foto e segnalazioni, segnalazioni che in particolare insistono nella zona dell’Appennino tosco – romagnolo.

Avvistamenti di elfi, gnomi e fate dunque, che provengono anche da fonti ritenute attendibili, come la testimonianza di un banchiere, che fermo a montare catene da neve, intravede un essere dall’aspetto riconducibile a un elfo dei boschi. Si passa dai racconti popolari al vero e proprio marketing, con pacchetti turistici disegnati ad hoc come accade anche in alcuni paesi della Scozia, dove sono organizzati veri e propri tour dei fantasmi, in questo caso si aprirebbe una sorta di caccia allo gnomo dei boschi o simili.

Il capo ufficio stampa della Forestale, Stefano Cazora, è anche autore di un libro che tratta questo tema: “Luoghi della meraviglia”, un testo che descrive gli itinerari del fantastico. Quindi si tende davvero a identificare lo gnomo come una vera e propria rappresentazione dello spirito dei boschi e la questione è da prendere seriamente, non come uno scherzo.

Che queste magiche creature esistano o meno, questo sarebbe un valido modo per portare alla riscoperta dei boschi, del loro mistero e far tornare l’antico rispetto per questi luoghi che purtroppo l’uomo talvolta tende a dimenticare. Per cercare di scovarli, secondo gli esperti, bisognerebbe immedesimarsi col territorio e imparare a guardare in basso, liberandosi di sciocche convinzioni culturali. Fateci sapere se ne avvistate uno!

Maria Merola
Latest posts by Maria Merola (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *