Babbo Natale sta parcheggiando la slitta sotto casa vostra e ancora non avete finito di comprare gli ultimi regali? Avete un amico nerd e proprio non sapete cosa acquistare per farlo felice? Siete stufi della tombola e volete provare qualcosa di nuovo all’ombra del Presepe? Bene, siete nel posto giusto.
 

Visto che a Natale bisogna essere tutti più buoni, ho deciso di fare la mia parte e di scrivervi una sorta di “consigli per gli acquisti” da mettere sotto l’albero. Sono tutti giochi da tavolo o di carte non collezionabili che secondo me hanno una marcia in più e che meritano davvero di finire sui vostri scaffali. Ho diviso i prodotti per case produttrici. Ne ho scelte solo tre perché sono le tre che conosco meglio. Ci tengo a precisare che non guadagno un euro a scrivere questi consigli per gli acquisti. Ma se proprio qualche munifico lettore volesse ringraziarmi con un obolo, lasciatemi una mail che ci sentiamo in privato… XD

daVinci games : Classici natalizi come BANG! e Lupus in Tabula vanno sempre bene e si possono giocare in tanti, quindi promossi a pieni voti! Davvero interessante il nuovo Gonzaga, che s’impara in fretta, è abbastanza semplice ma con una profondità di gioco straordinaria. E poi è tutto italiano, dall’idea allo sviluppo alla pubblicazione, quindi va sostenuto.  Peraltro la prima edizione  è andata esaurita subito dopo il lancio fatto durante lo scorso Lucca Comics and Games, quindi qualcosa vorrà pure dire o no?

Nexus: Ad Astra di Faidutti e Laget è davvero imperdibile. Dovrete guidare la vostra stirpe di umani in nuove galassie, espandendo il vostro impero prima degli avversari, mentre il Sole si va spegnendo e la Terra muore. Se vi piacciono i giochi sullo stile dei Coloni di Catan, Ad Astra è un vero capolavoro. Il meccanismo di gioco è come un orologio svizzero: l’equilibrio e la strategia regnano sovrani e ogni partita è diversa dalla precedente.  Non per niente ha vinto il B est of the Show di Lucca Games 2009 e la coppia di game designer francesi è una garanzia di qualità (sono gli stessi del “Mistero dell’Abbazia” per citare un titolo, forse il più famoso, creato dai due).

Per chi, invece, è un fan del Signore degli Anelli, avrei voluto proporre La Guerra dell’Anello in edizione super-mega-limitata: uno scatolone di legno a forma di libro rosso di bilbiana memoria (!), che  per 300 euro contiene centinaia di miniature dipinte e una mappa extralarge della Terra di Mezzo.  Un must per gli appassionati di questo gioco ambientato nell’universo di Tolkien.

Peccato , però, che ci siano stati dei problemi di produzione per alcuni dei componenti e sembra che lo scatolone non sarà disponibile prima di fine gennaio-inizio febbraio 2010… Quindi anche chi ha già prenotato la Collector's Edition non potrà fare altro che armarsi di pazienza e attendere .  A questo link trovatre la spiegazione ufficiale del problema: http://www.nexusgames.com/read.asp?id=3523.

Se poi volete dei bei giochi duraturi, vi posso dire che Talisman, Wings of War ed Arkham Horror sono una garanzia di divertimento.  Tutti e tre i giochi sono molto diversi sia come ambientazioni (fantasy, Prima Guerra Mondiale e horror) che come complessità. In ogni caso valgono la spesa.

Stratelibri : Di sicuro Si, Oscuro Signore!, perché è divertente e stimola la fantasia e si può giocare in gruppo. Magari intorno a un cumulo di panettoni e torroni. Eppoi io sono un fan di Rigor Mortis e di Riccardo Crosa dalla metà degli anni Novanta, quindi sono schifosamente di parte… 

Gente affidabile mi ha parlato molto bene anche di Agricola, che però ancora non ho giocato (faccio mea culpa, ma anch’io ho una vita privata di tanto in tanto^^). In genere non consiglio mai quello che non conosco in prima persona, ma stavolta penso proprio che ci possiamo fidare…

Direi che è tutto gente, spero di esservi stato utile. Mangiate, bevete, divertitevi e magari tirate qualche dado in buona compagnia. Buone feste.

Luca “Oscuro Presagio” Francescangeli

admin

C'è un mondo intero, c'è cultura, c'è Sapere, ci sono decine di migliaia di appassionati che come noi vogliono crescere senza però abbandonare il sorriso e la capacità di sognare.
admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *