Oggi incontriamo l’amica cosplayer Desirèe, per gli amici Desy, 27 anni, nata in Calabria e è trasferita in Toscana all’età di 12 anni. A quell’età non era ancora a conoscenza del mondo del Cosplay, difatti gli unici travestimenti che aveva indossato erano quelli del carnevale e delle recite scolastiche. Ma già in questi contesti sapeva distinguersi passando da un’ interpretazione di Cleopatra ad una personale rivisitazione di Paperina, fino ad arrivare a delle piccole gare che l’hanno vista vestita come un fiore, in particolare una rosa. Già a quell’età, la sensazione che provava nel vestirsi, nell’interpretare vari personaggi, nel dar libero sfogo alla fantasia, la faceva sentire libera e le donava un senso di sicurezza. Ovviamente non avrebbe mai immaginato che negli anni a seguire sarebbe diventata una vera e propria passione.

Era il 2006, esattamente 2 anni dopo il suo trasferimento, quando suo fratello piombò in cucina entusiasta di aver trovato un evento chiamato Lucca Comics, nel quale la città viene completamente trasformata e con lei tutte le persone che vi entrano; difatti c’era l’occasione di potersi travestire da un personaggio dei cartoni animati, videogiochi, film e camminare per la città come se niente fosse, con la possibilità di venire riconosciuti e apprezzati dai visitatori della fiera.

Desirèe rimase subito colpita e con l’aiuto della madre abbozzarono, dato il pochissimo tempo a disposizione, (meno di un giorno), un vestito di Morticia Addams, riutilizzando un vecchio vestito e delle stoffe. Tuttavia, arrivati alla fiera, la timidezza e l’insicurezza dei suoi 14 anni, la sovrastarono, rimase coperta dal proprio giacchetto, impaurita che il suo vestito non piacesse o peggio, non venisse riconosciuta. Fino a quando, convinta dalla madre, se lo tolse. Pochi attimi dopo, un signore si avvicinò a lei e le disse: ‘’Scusi Morticia, potrebbe spostarsi? Devo buttare questa carta!’’. Desirèe si accorse di essersi fermata proprio davanti ad un cestino. Passato l’imbarazzo momentaneo, il suo cuore si riempì di gioia, era stata riconosciuta! Quel signore, aveva riconosciuto il suo Cosplay! Desirèe fu inondata da una sensazione di appagamento e felicità. Non si era mai sentita così bene, come quel giorno. Quello sarebbe stato solo l’inizio; Desirèe infatti si avvicinò sempre di più al mondo del Cosplay, negli anni a seguire, partecipando principalmente al Lucca Comics. Fatta eccezione per gli ultimi 3 anni nei quali ha provato a partecipare ad altre fiere come Romics, Novegro, Firenze, ecc,  con la grande limitazione di aver sempre portato cosplay molto grandi e voluminosi, difficili da indossare in spazi piccoli, ma ancora più difficili da trasportare. Tra tutte le fiere alle quali ha partecipato, quella che preferisce di più in assoluto è proprio il Lucca comics. Nessuna fiera è come quella. Vengono persone da tutto il mondo, la città si trasforma completamente, pronta ad accogliere decine di migliaia di visitatori e cosplayer, senza contare i numerosissimi stand. A Lucca puoi sentire il calore e la gioia delle persone. Nelle fiere più piccole invece, è diverso, non è presente quel carico di emozioni che invece sono tangibili in una fiera come Lucca. In queste ultime viene lasciato molto più spazio ai contest e sono un’occasione per passare 2 giornate con amici cosplayer di quelle città.

Desirèe proprio per la sua volontà di riadattare ogni personaggio alla sua personalità, in modo tale da farlo proprio, ha sempre preferito creare Cosplay Original; difatti per lei il Cosplay è liberta di espressione e pensiero e sebbene sia consapevole che la sua definizione di Original non è concorde con quella della massa, a lei non importa. Qualcuno ovviamente ha espresso la sua opinione negativa, ma lei, a quelle critiche, non ha mai dato peso. Infatti non essendo particolarmente interessata alle competizioni, non ha mai dato importanza ad eventuali critiche o tecnicismi. Come detto in precedenza, per lei è una passione e quello che conta è il divertimento. Nei suoi primi anni da Cosplayer ha portato la già citata Morticia Addams, un angelo della morte con un’amica, Chopper di One Piece, una studentessa giapponese con un gruppo di amiche, Lela da Futurama in coppia, Mei Chan da Totoro, Man in Black, il suo primo cosplay Steampunk, nuovamente Morticia ma creando la famiglia Addams al completo con i suoi amici, fino ad arrivare ad interpretare nel 2015 una vampira gotica, vestito creato riutilizzando il suo vestito dei 18 anni e modificato per l’occasione con l’aiuto della madre. E’ stato proprio quest’ultimo a farle cambiare il modo di vedere il mondo Cosplay, perché la domenica di quel Lucca comics, data la stanchezza, decise di fermarsi a riposare in un punto delle famose mura della città e inaspettatamente venne inondata di foto per più di 4 ore consecutive.  Il fatto che quel cosplay fosse stato così apprezzato fece scaturire in lei la voglia e la volontà di fare di più, di superare se stessa, così decise che da quell’anno in poi, anche a seguito di problemi personali, avrebbe fatto cosplay da sola, senza più amici e familiari, cambiando pertanto anche il suo criterio di scelta.

Così l’anno successivo, ispirata da una cosplayer americana vista per caso sui social, decise di realizzare assieme a sua madre, una versione umana del Pokemon Venusaur. Il lavoro si prospettava lungo e difficile, ma la volontà e il benessere che le portava quel mondo vinsero su tutto. Così per il Lucca comics 2016, il cosplay di Venusaur prese vita e l’apprezzamento da parte delle persone fu immenso, anche quello dei bambini; infatti nonostante la loro giovane età, anche loro riuscivano a capire quale fosse il personaggio al quale lei si era ispirata. Desirèe non poteva fare più di 10 passi senza che qualcuno le scattasse una foto, fu sommersa da interviste e complimenti ricevuti anche da altri cosplayer e dagli organizzatori di Lucca stessa, arrivando a finire sulla pagina ufficiale e su altre pagine molto importanti come quelle di ‘’Orgoglio Nerd’’ e  “Best Movie”. Questo Lucca segnò per lei anche l’inizio di molte amicizie, difatti sebbene non fosse più accompagnata da amici e familiari, non si sentì mai sola, ogni volta che entrava in quel mondo, il suo cuore si riempiva di gioia, tutti i pensieri e le sensazioni negative sparivano lasciando spazio a tranquillità e felicità. Per lei quell’ ambiente era ed è tutt’ora come una seconda famiglia.  Per questi motivi e tanti altri, Venusaur è il cosplay al quale è più legata. Finito quel Lucca comics, si trovò il profilo di Facebook intasato da richieste di amicizia, chi per taggarla e chi per averla tra gli amici. Decise così di creare una Pagina dedicata a questo magico mondo in modo tale da mantenere un profilo privato solo per amici stretti e familiari. Il nome per questa pagina non fu difficile da trovare ‘’Desy e i Cosplay’’. ‘’Desy’’ perché come è stato già detto è il diminuitivo con la quale la chiamano gli amici e nel mondo dei cosplay chiunque per lei è un amico; ‘’e i Cosplay’’ perché banalmente riguarda l’ambito delle fiere e dei cosplay. Da poco ha aperto anche una pagina instagram sempre dedicata al cosplay chiamata ‘’Desy Original Cosplay’’, questo perché per lei Original significa rendere originale qualcosa, farlo proprio. È consapevole del fatto che i social giochino un ruolo molto importante per questo ambiente che è ancora poco noto riuscendo ad aiutarne la diffusione. Così come hanno fatto diversi programmi televisivi per esempio ‘’Got Talent’’ e ‘’Avanti un altro’’ che hanno ospitato diversi cosplayer.

Era il 2017 quando Desirèe, vagando sempre sui social, trovò una Fan-Art di Belle della Bella e la Bestia versione gioco Kingdom Hearts e capì subito che realizzare un Cosplay del genere andava ben oltre le sue conoscenze, ma soprattutto oltre quelle di sua madre, che fino a quel momento l’aveva tanto aiutata essendo stata sempre pronta a preparare per lei qualche nuovo vestito. Così dopo una ricerca via internet riuscì a trovare Debora Di Meo, una sarta specializzata nella creazione di Cosplay. Fortuna volle che abitasse a pochi minuti di macchina da Desirèe, la quale capì fin da subito l’immenso talento di Debora e piena di energie e di idee, iniziò una collaborazione ed amicizia che dura ancora oggi. In questi anni di collaborazione sono stati dati alla luce i Cosplay più conosciuti di Desirèe quali appunto Belle versione Kingdom Hearts, Belle versione natalizia, il Bau Bau di Nightmare Before Christmas versione femminile e infine Sally di Nightmare Before Christmas versione Armor.

In tutti questi anni per fortuna, non le si è presentato un evento negativo o spiacevole, fatta eccezione per qualche individuo un po’ distratto che le ha calpestato o urtato il cosplay di tanto in tanto. Essendo la fiera di Lucca una realtà molto grande e variegata è possibile trovare ogni genere di persone. E’ infatti venuta a conoscenza di eventi molto spiacevoli accaduti anche a dei suoi amici, che hanno visto distruzioni di accessori o addirittura di interi pezzi di cosplay fino ad arrivare al furto di interi vestiti. Il mondo del cosplay è molto vasto e come tale presenta persone gentili, generose, buone e disponibili e altre un po’ meno. Quello che apprezza di più è senza dubbio il poter interagire con le persone, cosa che porta ad aneddoti molto divertenti, come per esempio l’interesse delle persone nel voler indovinare il cosplay da lei indossato, vedendo il pokemon Venosaur scambiato per la “Regina dei Fiori”, oppure il Bau Bau come la “Regina dei vermi” o ancora veder scambiare il Key Blade di Belle con un bazooka o scambiare il trio dei Man in Black fatto con degli amici , con degli inviati del programma televisivo “Le Iene”.

Nonostante tutto questo Desirèe sa che il mondo del cosplay è molto più vasto e come ogni altra realtà ha la sua industria dietro, tuttavia non giudica e nemmeno critica chiunque ne faccia parte, in quanto è legittimo che chiunque trasformi la propria passione in lavoro venga ricompensato per questo. A questa categoria appartengono quelli che si possono definire “bravi cosplayer”, coloro che fanno parte dell’ambito delle competizioni in grado di creare ed elaborare i propri cosplay da cima a fondo con le loro mani. Per lei tuttavia è sempre rimasto un hobby e un modo di esprimere la propria creatività con tanta passione, sebbene anche lei, spinta dalla curiosità, abbia partecipato a diverse competizioni e con sua grande sorpresa, ne abbia anche vinte alcune.

Per chi si vuole avvicinare a questo mondo, Desirèe consiglia di fare una distinzione. A chi vuole intraprenderlo in modo amatoriale e non avvicinarsi quindi al mondo delle competizioni, di non essere timidi o dubbiosi, date libero sfogo alla fantasia, non importa spendere tanti soldi o essere sarti di professione per fare un bel cosplay e divertirsi. Se invece la vostra intenzione è quella di competere o addirittura farne un lavoro, allora dovrete impegnarvi sempre di più, migliorare le vostre tecniche, conoscere e confrontarvi con i migliori cosplayer, dovrete dedicare sempre più tempo a questo mondo e cosa più importante, non smettere mai di crederci.

Se volete scoprire la creatività di , vi invitiamo a visitare la sua pagina Facebook e il suo profilo Instagram.

Gianluca Falletta
Latest posts by Gianluca Falletta (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *