Dal Giappone sono arrivate anche mode, fenomeni culturali e di costume. Il più “appariscente” di questi movimenti è senza dubbio il Fenomeno “Cosplay” ed è riferito a quel fenomeno per cui gli appassionati da fruitori passivi dei loro beniamini animati si trasformano, essi stessi, in quei personaggi ricreando il loro abbigliamento e interpretandone il carattere. La parola “cosplay” è la contrazione dei termini inglesi “Costume” e “Play”, traducibile come “gioco in Costume” ma anche “interpretazione di un personaggio”. Il verbo anglosassone “Play” vuol dire sia giocare che recitare, e la recitazione è l’aspetto fondamentale di questa arte che “si crea e si indossa”.


Il Cosplay ha coinvolto centinaia di migliaia di appassionati prima in America, poi in Giappone e poi velocemente nel resto del Mondo, ampliando anche la sua scelta tematica. Dai costumi dedicati ai personaggi dei Fumetti, sono nati quelli dei videogiochi, dei film, della tv e della musica JROCK (Visual o Glamour).

I fruitori di questo movimento impiegano mesi per realizzare i propri costumi e per preparare i loro personaggi. Questa loro passione viene premiata nei vari Cosplay Contest delle più grandi Fiere Internazionali in cui sfilano e gareggiano per decretare i migliori costumi. Un lato inaspettato è l’agonismo generato da questi eventi, soprattutto se in palio per i vincitori ci sono dei riconoscimenti internazionali. Un agonismo che genera a volte situazioni di nervosismo esasperato, gelosia ed inaspettato arrivismo, che getta in  alcune situazione ombre su questo movimento famoso invece per la sua genuinità. Proprio grazie (o a colpa, dipende dal punto di vista), molti hanno ritenuto per anni il Giappone come “la patria natia” del Cosplay, in particolare per un celebre show televisivo, World Cosplay Summit, che è diventato il contest internazionale più noto in cui si sfidano i migliori cosplayer provenienti dalle più note fiere sparse nei cinque continenti.

Il Fenomeno Cosplay nato dunque nelle fiere
specializzate ha avuto la sua naturale evoluzione con il Web, sono nati a macchia d’olio in ogni parte del mondo migliaia di siti di singoli cosplayer, community, forum ed eshop. Si è inoltre diffusa in maniera globale la mania delle fotografie (Camera Cozo), vera merce di scambio per i fruitori di questa passione, foto scattate, scambiate e pubblicate a centinaia nei siti specializzati.

Per un neofita non è difficile entrare in
questo mondo “realmente” animato, ogni anno è possibile vedere in maniera tangibile quanto questo fenomeno si sta sviluppando in fasce sempre più vaste di appassionati.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *