prodigy

Si chiama Prodigy e il richiamo a serie televisive cult come Heroes è spontaneo e immediato. Prodigy è il nuovo gioco di carte collezionabili creato dallo studio e-Nigma di Ravenna, pubblicato da Alimat e distribuito da NG International. Prodigy è stato presentato in anteprima alla prestigiosa fiera di Essen e al Lucca Games 2010.

Insomma il prodotto di per sé è tutto italiano, ma ha un profilo internazionale: tutto in inglese dal regolamento alle carte. Perché se oggi (come ieri) vuoi sfondare nel mondo dei games, devi per forza parlare la lingua di Shakespeare e di Poe. Quella di Dante è solo d’impaccio^^

Ma cos’è Prodigy? E’ un gioco di carte collezionabili per due giocatori (tipo Magic tanto per capirci) che mette in campo due avversari, ognuno dotato del proprio deck. Nel deck ci sono i WIPers (individui dotati di poteri straordinari, coloro che sanno what is prodigy), i luoghi da conquistare a colpi di prodigi e i Prodigi stessi.

I Prodigi sono proprio la parte più innovativa del prodotto. Questo tipo di carte, infatti, utilizza la tecnologia “Scratch and Play” e ogni giocatore potrà scegliere  a quale livello settare i propri Prodigi (tre caselle: basso-medio-alto), una scelta permanente e che influirà pesantemente sull’andamento delle vostre partite. In pratica, i Prodigi sono i “Gratta&vinci” dei card games e vi consiglio di proteggere le vostre carte quando ci giocate, perché l’accidentale grattata di una seconda casella, renderà nulla la carta in termini di gioco. La cosa buona rispetto ai giochi collezionabili tradizionali è che potrete, una volta trovata la carta che vi serve, settarla al livello desiderato di potere, senza dover scambiare quintali di roba o dover comprare tonnellate di pacchetti.

Da un punto di vista grafico, Prodigy si distingue per la scelta di utilizzare come illustrazioni foto reali e disegni molto sobri. Anche la confezione del teaser deck promozionale è decisamente minimalista. Una scelta che pone questo gioco in antitesi rispetto ai coloratissimi e ridondanti standard del settore delle carte collezionabili. Onestamente non so dire se questo progetto grafico piacerà o meno ai possibili clienti. Di sicuro creerà una forte riconoscibilità del prodotto, cosa sempre buona e giusta per il marketing.
Prodigy, inoltre, promette di essere innovativo anche nel plot di gioco, che dovrebbe svilupparsi in una storia vera e propria e che sarà possibile seguire sul sito www.whatisprodigy.com .

Per cominciare a giocare avrete bisogno del teaser deck, in vendita da questo mese nei negozi specializzati e che vi permetterà di avere una prima esperienza introduttiva del mondo di Prodigy. Il mazzo base costa 12.90 euro e per fare una partita serve un mazzo a testa (in Prodigy i mazzi si chiamano “script”).

Insomma, Prodigy è nuovo e tutto da provare, con dentro idee originali. Forse sarà il Magic degli anni ’10 o forse un progetto carino ma di breve durata. Come sempre, sarà il mercato a decidere.

 

Luca "Oscuro Presagio" Francescangeli

admin

C'è un mondo intero, c'è cultura, c'è Sapere, ci sono decine di migliaia di appassionati che come noi vogliono crescere senza però abbandonare il sorriso e la capacità di sognare.
admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *