Satyrnet.it

Menu

Su Sky il film dal vivo di Lady Oscar

Mentre continua il malumore dei fan per la scelta discutibile di Italia 1 di interrompere la trasmissione alle 8 e 10 del mattino della versione rimasterizzata dell’anime di Lady Oscar, Sky annuncia la proposta in streaming del film dal vivo del 1978 in versione anche questa rimasterizzata, a cura di Yamato video.  Va detto che il suddetto film è molto diverso e lontano dalle tante pellicole ispirate ai fumetti che negli ultimi anni hanno popolato le sale cinematografiche di tutto il mondo, e può essere, anzi lo è, una delusione. Innanzitutto, va tenuto conto che da noi arrivò in prima visione in televisione il giorno di Natale del 1982 su Italia 1 dopo l’anime, ma in realtà è antecedente e ha come termine di paragone il manga, anche se ne esce comunque sconfitto.

 

Diretto dall’altrove bravo Jacques Demy, regista legato alla Nouvelle Vague francese, il film, a cui Versailles no Bara deve nei Paesi occidentali il nome di Lady Oscar è poco ispirato e lacunoso, tra battute da avanspettacolo onestamente gratuite senza essere una parodia, un finale assurdo, interpreti non nel personaggio a cominciare dalla stessa Oscar, la deliziosa Catriona Maccoll, piacente ma fuori parte e una sceneggiatura decisamente non trascinante.

Ma allora perché guardarlo? I costumi sono comunque accurati, una bella pennellata di Settecento, così come le scenografie, e le location sono la reggia di Versailles e dintorni, non fondali di cartapesta. I doppiatori sono quasi gli stessi dell’anime, soprattutto nei protagonisti abbiamo il piacere di riascoltare Cinzia de Carolis, Massimo Rossi, Laura Boccanera e Luciano Roffi e diciamo che tirano su i personaggi non poco, come capita spesso con attori non eccelsi nei nostri film. Gli interpreti non sono tutti cannati, a una Oscar fuori parte, un generale Jarjayes penoso, una Rosalie totalmente disastrosa, un Girodelle imbarazzante, fanno da contraltare una buona Maria Antonietta, un discreto Fersen, una simpatica governante e un André decisamente belloccio e grintoso, meno santo che nell’anime e quindi più realistico e più sanguigno.

Detto questo, i fan di Berubara di tutto il mondo continuano a sperare in un live action degno di questo nome, sia al cinema che in una serie televisiva, usando i mezzi dispiegati in storie come Game of ThronesVikingsVersailles Black sails, sperando però di non cadere in trappole politicamente corrette alla Bridgerton.

Elena Romanello
Latest posts by Elena Romanello (see all)

Categories:   AULAMANGA, Cinema & Tv, Glorie Nerd Vintage

Comments

 

 

No, thanks!