Satyrnet.it

Sensor di Junji Ito

L’autunno 2022 targato Star Comics vedrà il ritorno del maestro indiscusso del manga horror, Junji Ito, con l’uscita di  Sensor all’interno della collana Umami.

L’autore è stato il primo mangaka ad aver ricevuto ben 3 Eisner Awards, uno nel 2019 e due durante l’edizione 2021 (rispettivamente migliore edizione statunitense di un’opera internazionale – Asia per REMINA – L’ASTRO INFERNALE e migliore autore unico per REMINA – L’ASTRO INFERNALE e la storia Venus in the Blind Spot contenuta nel volume JUNJI ITO BEST OF BEST – SHORT STORIES COLLECTION). L’estate è ormai agli sgoccioli, ma stavolta i brividi più agghiaccianti non saranno causati dal cambio di stagione…

In Sensor conosceremo Kyoko, una donna dalla fluente chioma dorata che cammina tra vortici di misteriosi filamenti vulcanici dai riflessi dorati ai piedi del monte Senjo. Un uomo misterioso che le appare davanti improvvisamente la guida fino a Kiyogami, un villaggio sperduto dove tutto brilla grazie ai riflessi dorati dei “capelli celestiali”, che secondo gli abitanti, adepti di un culto misterioso, donano potenti poteri psichici e un senso di gioia indescrivibile.

Da questo momento una serie di eventi spaventosi e inspiegabili stravolge la vita della donna e del villaggio.

Sensor racconta una storia elegantemente inquietante e onirica, che presenta alcuni dei temi spesso ricorrenti nelle opere di Junji Ito, come la figura della donna perseguitata, la pazzia di sette demoniache e un travolgente e inspiegabile orrore cosmico.

Grazie alle sue abilità artistiche il Sensei Ito ha saputo fondere elementi fantastici e naturali. Gli stessi “capelli celestiali” venerati dagli abitanti di Kiyogami non sono nient’altro che i Capelli di lava della Dea Pele, generati a causa del raro fenomeno vulcanico osservato dopo l’eruzione del vulcano Kilauea nelle Hawaii.

Serializzata in origine con il titolo Diario di Viaggio di una Succuba, l’opera è stata poi raccolta in un volume unico, in uscita in Italia il 21 settembre, ed è corredata da una postfazione in cui l’autore racconta la genesi dell’opera e le modifiche apportate durante la stesura.

Maria Merola

Maria Merola

Laureata in Beni Culturali, lavora nel campo del marketing e degli eventi. Ama Star Wars, il cosplay e tutto ciò che riguarda il mondo del fantastico, come rifugio dalla realtà quotidiana. In particolare è l'autrice del blog "La Terra in Mezzo" dedicato ai miti e alle leggende del suo Molise.

Aggiungi commento

Nerd Artists Collective

La nostra pagina facebook

Iscriviti per: Satyrnet

* = campo richiesto!

Sostienici

Seguici

Facebook Page
Instagram

Iscriviti

[mc4wp_form id=”119273″]