Satyrnet.it

Menu

Penny Dreadful, la serie

Dei Penny Dreaful ha già parlato il nostro collega Talparius, spiegando molto bene e in maniera dettagliata cosa sono, vi invito a leggere l’articolo perché è davvero molto interessante. Invece io parlerò della serie tv secondo il mio punto di vista.

Le cose strane, fantasy, riguardanti il mistero mi sono sempre piaciute, e ho iniziato questa serie innamorandomi perdutamente di Ethan, voi avete Eva Green quindi lasciatemi il mio Josh Hartnett.

Penny Dreadful è una serie televisiva statunitense e britannica di genere horror, creata e scritta da John Logan, trasmessa dall’11 maggio 2014 al 19 giugno 2016 sul canale via cavo Showtime per un totale di tre stagioni.

Prendendo il nome dalle omonime pubblicazioni del XIX secolo, i penny dreadful  di cui sopra, e ispirandosi a La Lega degli Straordinari Gentlemendi Alan Moore, la serie intreccia le origini di personaggi della letteratura horror come Victor Frankenstein, Dorian Gray, Dr. Jekyll, il conte Dracula, licantropi, streghe e vampiri, i quali sono alle prese con la loro alienazione mostruosa nella Londra vittoriana. Insomma ci sta un po’ di tutto, non può non piacere, una sorta di Melting Pot, dove si intrecciano le storie dei personaggi. Dove lo strano è preso in giro e relegato a fare il fenomeno da baraccone o deve essere eliminato.  Purtroppo, come tutte le cose belle, è finito troppo presto.

Parliamo ora delle differenze con le opere a cui la serie si ispira: in Dracula di Bram Stoker, il professor Abraham Van Helsing è legato al conte Dracula e lo incontra personalmente. Nella serie televisiva, invece, Van Helsing non menziona  contatti con il vampiro che ha trasformato sua moglie, né che egli possa essere stato Dracula. Inoltre, nel libro, la moglie di Van Helsing impazzisce dopo la morte del loro unico figlio, non citato nella serie. Il cognome dell’allievo di Van Helsing nel libro, il dottor John Seward, appartiene alla dottoressa Florence Seward nella serie, ma non viene rivelata una connessione tra i due personaggi. Alla fine di Dracula, Mina Harker non muore, ma viene salvata e ritorna umana. Nella serie, invece, Mina è solo un’esca, usata dai servitori di Dracula per attirare Vanessa Ives e portarla dal Padrone. Alla fine del libro, Dracula viene ucciso, mentre alla fine di Penny Dreadful il personaggio abbandona semplicemente Londra.

In Frankenstein di Mary Shelley, Victor dà vita a una sola creatura e il personaggio Proteo non compare né viene citato. Nel romanzo, la creatura è responsabile della morte di molti parenti di Victor, cosa che non avviene nella serie. Nel romanzo è presente Elizabeth, una ragazza bionda che la famiglia Frankenstein ha adottato e che Victor chiama cugina e ama. Nella serie, il ruolo di Elizabeth viene parzialmente ricoperto da Lily. Nella serie, Victor esaudisce la richiesta del mostro di creargli una compagna, mentre nel romanzo ne distrugge il corpo poco prima di completare l’opera. Alla fine del libro, la creatura si dirige al polo nord e scompare, mentre nella serie ritorna a Londra. Nel libro, Victor segue la creatura a nord per vendicarsi e muore, mentre nella serie i due personaggi giungono a una tregua.

Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde, non accenna alla capacità dell’immortale Dorian di causare la possessione demoniaca in un’altra persona, come accade a Vanessa. Nella serie, inoltre, Dorian non prova alcun desiderio di tornare mortale e non prova a lacerare il quadro per uccidersi, come accade alla fine del libro.

Pur essendo presente Henry Jekyll, il signor Hyde non compare mai nella serie televisiva, come invece accade ne Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson.

Altro fatto interessante riguarda la casa editrice Titan Comics, che in occasione del debutto statunitense della terza stagione (il primo maggio 2016) dà via alla pubblicazione di una miniserie a fumetti ispirata alla serie televisiva. Il titolo è Penny Dreadful, composta da cinque numeri, scritta da Krysty Wilson-Cairns, Andrew Hinderaker, Chris King, e disegnata da Louie De Martinis. La storia  ne rappresenta il prequel ufficiale e viene raccontato di come Vanessa Ives abbia deciso di cercare l’amica d’infanzia Mina Harker, rivelando la vera natura dei vampiri che infestano la Londra vittoriana. Il primo albo viene distribuito a partire dal 5 maggio 2016 e presenta 4 copertine alternative (o variant cover), quella standard è di Guillem March, mentre le variant sono di Ben Templesmith, Louie De Martinis, e due presentano una foto dello show (denominate photo cover).

L’interesse della Titan Comics per la serie Showtime si inserisce in un piano di sviluppo della casa editrice attraverso l’acquisizione dei diritti per produrre su licenza fumetti ispirati da serie televisive di successo. La casa editrice già pubblica da un paio d’anni serie a fumetti su Doctor Who con serie regolari aventi come protagonisti il nono, decimo, undicesimo e dodicesimo dottore, al quale si aggiungono varie miniserie su altre delle sue incarnazioni. A queste si aggiungono la serie su The Blacklist e il dramma storico Vikings.

Maria Merola

Categories:   Cinema & Tv

Tags:  

Comments

 

 

No, thanks!