Satyrnet.it

Menu

Luoghi segreti da visitare a Roma e dintorni

Luoghi segreti da visitare a Roma e dintorni. Tra giardini incantati e rovine senza tempo, le perle nascoste della Città Eterna sono “riscoperte” da Andrea De Benedetti e Simone Toscano in un suggestivo viaggio letterario edito da Newton Compton Editori.

Il territorio di Roma nasconde molte più bellezze e tesori di quanto possano pensare il turista abbagliato dalle già famose meraviglie dell’Urbe o il romano abituato al Colosseo e ai Fori. Basta una breve gita fuori porta, in auto o in bicicletta, per scoprire luoghi straordinari di cui molti non conoscono neppure l’esistenza. Da siti naturalistici ricchi di cascate, laghetti e grotte a quelli storico-monumentali come necropoli, mitrei e castelli, fino a musei tanto belli quanto ingiustamente ignorati dai principali itinerari turistici. Una guida imperdibile per tutti coloro che amano viaggiare e scoprire perle segrete e poco conosciute.

Passeggiate, escursioni e gite a due passi da Roma, per scoprire musei inaspettati, borghi suggestivi, boschi, laghi incontaminati e monasteri millenari. Tra i luoghi segreti da visitare:

  • la vera Torpignattara: il mausoleo di Sant’Elena
  • il castello di Tor Crescenza: il casale di Poussin
  • le galline bianche: la splendida villa di Livia Drusilla
  • l’abbazia di Grottaferrata
  • i laghi colorati di Pomezia
  • la Valle del Sorbo e le sue cascate
  • il santuario dentro un autogrill
  • il museo dell’aeronautica di Bracciano
  • il ninfeo del Bramante a Genazzano
  • la città sotterranea di Colleferro
  • Farfa e la sua abbazia

Simone Toscano, giornalista, classe 1981. Laureato in Scienze della Comunicazione con una tesi in Comunicazione politica, è diventato professionista dopo aver frequentato la Scuola di Giornalismo Lumsanews. Lavora per il gruppo Mediaset dal 2005, dove è entrato grazie ad uno stage al Tg5. Prima solo per questo telegiornale, poi anche per gli altri del gruppo e per i programmi, Simone ha seguito come inviato alcuni dei più importanti fatti di cronaca nazionale, dal terremoto che ha colpito l’Abruzzo nel 2009 al naufragio della Costa Concordia. Toscano è stato uno degli inviati della trasmissione Quarto Grado (Rete4), in Italia e all’estero, contribuendo con i suoi reportage alla riapertura di alcune inchieste giudiziarie, come nel caso dell’omicidio di Valentina Salamone, in un primo momento archiviato come suicidio. Attualmente è uno dei conduttori della rete all news gratuita del gruppo Mediaset, Tgcom24. Ha collaborato in passato con RomaUnoTv, con l’inserto culturale de Il Foglio, con la Rai, La7 (Tetris) ed Mtv. Ha già pubblicato i romanzi Il Creasogni (2015) e Io splendo. La storia di Malena (2020) e il libro inchiesta Nel nome di Lorys (2018).

Andrea De Benedetti, è un creativo ed un autore. Classe 1979, vive a Roma, dove si è laureato in Scienze della Comunicazione e un anno di apprendistato presso l’Associated Press si approccia al mondo degli eventi consumer. Diventa Responsabile Eventi per l’associazione Culturale Satyrnet, con cui organizza e gestisce festival legati al mondo dell’entertainment e del fumetto, come Romics, RomaComics. Ha collaborato inoltre come consulente in molti festival nazionali, come Cartoons On The bay, Cartoomics di Milano. Partecipa al lancio e alla gestione del parco tematico di Cinecittà World nelle vesti di autore degli spettacoli e di Content Manager del parco insieme a Gianluca Falletta. In seguito si dedica alla progettazione di istallazioni multimediali, assieme alla professione di event manager. Anche nella vita privata è un viaggiatore.

Gianluca Falletta
Seguimi
Latest posts by Gianluca Falletta (see all)

Categories:   Books + Comics, Storia & Misteri

Comments

  • Posted: 21 Giugno 2021 19:31

    Emilio

    Se e' per questo c'e' anche l'unico IKEA con una finestra nella sezione espositiva, dato che da quella finestra si puo' vedere la stazione di posta Romana che hanno trovato durante i lavori per il CC Porta di Roma. Ed i mosaici di quella stazione di posta sono visibili dentro il CC (se hanno riaperto lo spazio espositivo).

 

 

No, thanks!