Satyrnet.it

Menu

Love and Monsters

Love and Monsters è un film su Netflix diretto da Michael Matthews con Dylan O’Brien nei panni di Joel. Come sempre accade in questi film post apocalittici, la terra è stata devastata e l’uomo è ridotto a sopravvivere alle minacce che ora vagano libere sulla superficie terrestre. Enormi bestie a sangue freddo sono state mutate dalle radiazioni di un’immensa esplosione nucleare. No, non pensate male, per una volta il mondo non era in guerra, ma si era coalizzato per salvarsi da un enorme meteorite. Così tutto l’arsenale nucleare del mondo è stato lanciato contro la minaccia in arrivo. Il problema è venuto dopo: a causa della pioggia di detriti e delle radiazioni che sono arrivate sulla terra, le specie di animali a sangue freddo, dai serpenti fino ad arrivare agli insetti, sono mutate in modo incontrollato ed hanno cominciato a devastare il pianeta. Ovviamente questo è un chiaro richiamo a quel bel lucertolone di Godzilla, ai kaiju di Pacific Rim ai vermoni di Tremors o di Dune e agli insettoidi di Starship Troopers.

L’umanità si è rintanata in bunker e rifugi antiatomici per fuggire alle minacce provenienti dall’esterno. La nostra storia inizia sette anni dopo il fattaccio. Joel è un ragazzo single in un bunker costituito praticamente solo da coppie. Scopre che Aimee, la sua ragazza, o per lo meno quella che lui considera ancora dopo sette anni la sua ragazza, vive in un rifugio ad oltre cento chilometri di distanza. Joel non è un guerriero e non ha le conoscenze per sopravvivere all’esterno. Nel suo rifugio è una specie di cuoco e tuttofare, ma si è stufato di stare da solo e decide che è giunto il momento di partire per conquistare la felicità. Da qui in poi le similitudini con Zombieland ed Io Sono Leggenda si fanno molto più stringenti. Sopravvivere in un ambiente ostile non sarà facile, ma Joel è convinto che il modo di dire “Tira più un pelo di f##a che un carro di buoi”, sia stato scritto appositamente per lui.

…[trama completa su https://www.tanadelcobra.com]

Alla fine, il bello di questo film sono proprio i mostri: divertenti, simpatici, pericolosi e sorprendenti, sono loro i veri intrattenitori di questa pellicola. Uno spasso sentire i loro nomi ed ancora di più vederli in azione. Gli autori si devono proprio essere divertiti a modificare creature normali per creare enormi insettoni, rane deformi o lumache dagli occhi giganteschi. Hanno attinto a piene mani da tutto: i vermoni di Tremors, gli insettoidi di Starship Troopers, le rane giganti di Naruto e perfino dagli Street Sharks – Quattro Pinne All’orizzonte regalando loro un bel cameo con una pinna che emerge dalla terra. Tantissime citazioni e tantissimi richiami che, per scovarli tutti, devi rivedere il film almeno un paio di volte; per fortuna che non ci si annoia!

Tratto e continua a leggere la conclusione dell’articolo su:

Love and Monsters

Scritto da MarcoF  

La Tana del Cobra
Seguici su:
Latest posts by La Tana del Cobra (see all)

Categories:   Cinema & Tv

Comments

 

 

No, thanks!