Satyrnet.it

Le parole di mio padre

Dopo la morte del padre, Zeno, un giovane insicuro, solitario, amante dei libri, deve cercare di ricostruire o costruire la propria vita fra il ricordo della ingombrante figura paterna e le incertezze di un presente in cui non riesce ad inserirsi appieno. Nella vita del giovane irrompe il complicato mondo femminile rappresentato dalle tre sorelle Malfenti: Ada, Alberta, Augusta, con le quali Zeno cercherà di stabilire un rapporto. Liberamente, ma molto liberamente, tratto dal romanzo di Italo Svevo “La coscienza di Zeno”, è però lontano  dalle tematiche dell’opera letteraria e più vicino all’incertezza del vivere, nonostante il benessere tipico di questi giorni. Fra frasi enigmatiche, sguardi che si perdono oltre la macchina da presa, inquadrature che rivelano spazi soffocanti e grigi si sviluppa  “Le parole di mio padre” film diretto da Francesca Comencini.

Il rigore della rappresentazione; la recitazione tesa e sentita di un buon cast di attori, tra i quali spicca un’affascinante Chiara Mastroianni; la straordinaria fotografia di Luca Bigazzi capace di rendere in maniera del tutto inusuale gli interni e gli esterni romani; rendono grande merito a questo film che risulta fluido, meticoloso e privo di elementi superflui. Purtroppo, nonostante queste ottime premesse, risulta  un’opera sospesa, che stenta a decollare e superare i propri limiti  e che non riesce a giungere allo spettatore, il quale rimane inerte e non è né coinvolto né colpito dalla storia, di fronte alla quale non prova alcuna forma di dubbio o riflessione e dalla quale non  riceve particolari chiarificazioni. 

Valeria Doddi

Avatar

admin

C'è un mondo intero, c'è cultura, c'è Sapere, ci sono decine di migliaia di appassionati che come noi vogliono crescere senza però abbandonare il sorriso e la capacità di sognare.

Aggiungi commento

Nerd Artists Collective

La nostra pagina facebook

Iscriviti alla Newsletter

Sostienici

Seguici

Facebook Page
Instagram

Iscriviti