Satyrnet.it

La maledizione del Coniglio Mannaro

In “La maledizione del Coniglio Mannaro” ha vinto la comicità, la battuta senza pretese con Wallace e Gromit, l’uomo pazzo di formaggio e il suo assistente, un cane docile e premuroso chiaro nei suoi intenti e nelle sue sensazioni anche se non emette mai un verso. Questa volta i due eroi in plastilina sono alle prese, compassionevolmente parlando, di una piaga tenera e senza colpa: conigli, conigli ovunque che infestano i giardini della piccola città di Tottington. E Gromit è sempre alle prese con l’estrosità geniale e talvolta “irresponsabile” di Wallace. Come al solito è lui che fa da balia – e padrone?- a Wallace e già questo paradosso è carico di una comicità superba. Dal canto suo Wallace riesce a figurarsi come un tontolone di prima categoria e un genio incontrastato in invenzioni e marchingegni impensabili.

Un film molto divertente che colpisce in ogni fotogramma per la precisione e la cura di ogni gesto ed espressione. Per chi ama le atmosfere di Tim Burton ovviamente nulla è paragonabile, semplicemente questa è una storia fresca che scorre con piacevolezza. Il sorriso spesso nasce da meccanismi già visti, ma che funzionano come fossero nuovi, oppure da particolari molti sottili incorniciati con finezza. I personaggi di contorno – il prete è fenomenale – sono una novità ben riuscita.

Questo horror tutto vegetariano ha la suspense e i colpi di scena, la comicità e la favola. Inutile dire che il connubio è perfetto oltrechè originale.

 

Alice Rinaldi

 

Avatar

admin

C'è un mondo intero, c'è cultura, c'è Sapere, ci sono decine di migliaia di appassionati che come noi vogliono crescere senza però abbandonare il sorriso e la capacità di sognare.

Aggiungi commento

Nerd Artists Collective

La nostra pagina facebook

Iscriviti alla Newsletter

Sostienici

Seguici

Facebook Page
Instagram

Iscriviti