Satyrnet.it

La Giornata Mondiale dell’Unicorno

Il 9 aprile è stato scelto per festeggiare l’insolita Giornata Mondiale dell’Unicorno (Unicorn Day)! Simbolo di purezza e nobiltà, l’Unicorno è una creatura che è diventata negli ultimi anni, anche grazie ai social network, una figura iconica di un mondo fiabesco e incantato fatto di magia, unicità e, soprattutto, tolleranza.

Marieke van der Poel, fondatrice di Proef, azienda specializzata nell’individuazione delle prossime tendenze, spiega in un’intervista sul San Francisco Chronicle.

 “Se si pensa all’influenza di Instagram e a quanti vogliano presentare se stessi come una persona divertente, è facile capire come colori glitterati o tinte pastello possano essere la scelta giusta … La tecnologia porta a una fuga dalla realtà, ma rende anche più popolari i colori forti e tutte quelle cose che appaiono interessanti sullo schermo”.

Nato dalle storie tradizionali sumeriche, indiane e cinesi, che lo descrivevano dotato di poteri taumaturgici e in grado di apparire solo in caso di eventi straordinari, l’Unicorno è stato trasformato, anche a causa di malintesi linguistici, in un animale forte, pericoloso, dalle sembianze di bufalo (per gli Arabi) e poi di Cavallo Bianco (per il Cristianesimo e, in generale per l’occidente). La religione cristiana fa dell’unicorno un simbolo di castità, purezza, verginità; il carro del trionfo della Castità è trainato da Unicorni. Può anche essere raffigurato con un paio di ali e chiamato alicorno, crasi tra unicorno e Pegaso.

Detto anche Liocorno (mai salito sull’Arca di Noè come cita la famosa canzone per bambini), l’Unicorno si distingue dalla sua controparte ippica per un unico, grande corno a spirale posto in mezzo alla fronte, detto Alicorno. Nella mitologia occidentale, si pensava che rimuovendolo, l’animale avrebbe perso i suoi poteri magici (era un potente anti-veleno) e sarebbe morto. La pratica dell’uso come antidoto dei corni di unicorno (in realtà rari denti di narvalo, corna di orice o falsi costruiti ad hoc) ha avuto una certa diffusione nell’Europa Medioevale: ad esempio, nell’inventario del tesoro papale di Papa Bonifacio VIII del 1295, veniva riportata menzione di quattro corne di unicorni, lunghe e contorte (…) utilizzati per fare l’assaggio di tutto ciò che era presentato al Papa. Per ottenere un magico corno di un Unicorno, Lorenzo il Magnifico pagò 6.000 fiorini; Papa Giulio III 90.000 corone, la Repubblica di Venezia 30.000 ducati. Nel 1533 Clemente VII ne offrì uno a Francesco I; Mazzarino ne possedeva due, uno dei quali era lungo 213,36 centimetri e valeva 2.000 sterline. Ma il più famoso è quello che, nel 802, Carlo Magno ricevette in regalo dal califfo Haroun Al Rashid.

La sua effigie compare nei bestiari medievali che ricordano le leggendarie qualità dell’animale, a cominciare dal potere del suo corno di scoprire e neutralizzare i veleni ma con l’avvento dell’era moderna, la creatura cominciò a uscire da tali volumi “leggendari” per entrare nelle prime opere “scientifiche” di sistematica naturalistica; tuttavia, nel corso del XIX secolo, l’impossibilità di trovare un esemplare indirizzerà la scienza naturalistica a escludere definitivamente l’unicorno dalla lista degli animali esistenti.

Simbolo araldico degli Estensi a Ferrara e dei Borromeo a Milano, l’Unicorno, anzi il Leocorno, era (ed è tutt’ora) uno dei protagonisti del Palio delle contrade di Siena: tra le 17 contrade ve n’è appunto una rappresentata da un cavallo col corno in testa. Similmente, anche nel Palio di Ferrara, la contrada di Santa Maria in Vado Porta, come effigie del suo rione, un unicorno sui colori giallo e viola. La leggenda narra che l’impresa della contrada fosse la purificazione delle acque del Po ottenuta proprio grazie a un unicorno, che con i suoi poteri magici rese la zona di Ferrara florida e irrigabili i campi.

L’Unicorno è stato più volte raffigurato nel corso dei secoli nell’Arte, come simbolo di purezza verginale. Citiamo il dipinto di Luca Longhi, La dama e l’unicorno (1550 ca.), conservato presso il Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo, e l’Affresco la Vergine con l’unicorno, opera di Domenichino, esposto al Palazzo Farnese (1602 ca.). Due unicorni sono anche stati raffigurati in una delle Cappelle della chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore di Milano, nella quale viene rappresentato il suffragio universale.

 

https://www.youtube.com/watch?v=uWkz0IggQjw

L’immagine dell’unicorno compare nella letteratura in diversi prodotti mediali. Di solito, l’unicorno viene raffigurato seguendo i tratti comuni alla tradizione, a volte con aggiunte o modifiche riguardanti poteri magici e comportamento: ad esempio, nel libro Harry Potter e la Pietra Filosofale è citata la presenza nella Foresta proibita di un unicorno, il cui sangue avrebbe il potere di rendere immortali tutti coloro che lo bevono. Nel libro L’ultimo Unicorno di Peter S. Beagle questa creatura mitologica ha invece il potere di mantenere rigogliosa un’intera foresta e di riportare in vita chi è morto da poco tempo. Si discosta invece dalla tradizione Guy Gavriel Kay che nella Trilogia di Fionavar crea Imraith-Nimphais, un unicorno alato di colore rosso, la cui nascita è stata voluta da una dea come guerriero contro Rakoth Maugrim il Distruttore. Altri esempi sono L’unicorno nero di Terry Brooks, La fine del mondo e il paese delle meraviglie di Haruki Murakami, Il cavallino bianco di Elizabeth Goudge. Umberto Eco, invece, nel romanzo Il nome della rosa lo descrive in questi termini: “Ma l’unicorno è una menzogna?”. Nell’Industria cinematografica come non citare l’Unicorno di Legend che ha realizzato una grande magia: non adatto a sconfiggere il Male, ha lanciato la carriera sfolgorante di Tom Cruise oppure il film che ha segnato il ritorno di Steven Spielberg alla regia “Le avventure di Tintin – Il segreto dell’Unicornoun film d’animazione del 2011. Per quanto riguarda invece l’ambito musicale, Lady Gaga lo ha utilizzato come iconadel suo secondo album Born This Way dedicandogli anche la traccia Highway Unicorn (Road to Love). Tanto è l’amore per questa creatura che  per l’artista italo-americana si è fatta tatuare un Unicorno sulla coscia, a simboleggiare il suo appoggio alla comunità lgbt+.

 

https://www.youtube.com/watch?v=OvvGNO9MQU4

Anche ai giorni nostri esistono dunque rappresentazioni iconiche di questa creatura: in primis non possiamo non citare il grande evento estivo che si svolge ogni anno in Toscana, per la precisione a Vinci (Firenze), la Festa dell’unicorno: una tre giorni dedicata al mondo fantasy, con matrimoni elfici, disfide magiche, le sireneidi, la parata degli Elfi. Oltre 400 spettacoli, distribuiti nelle otto aree di cui si compone la manifestazione: ogni sera un concerto diverso con ospiti attesissimi e conosciuti nel panorama nerd o band epic metal.

https://www.youtube.com/watch?v=BMVAw1y195E

A Bangkok c’è la Unicorn Café, un risto bar interamente a tema unicorno. Una statua di un enorme unicorno troneggia all’ingresso del locale che è tematizzato, all’interno, con creature dai colori pastello di ogni forma e dimensione: sulla carta da parati, sui divani, sul soffitto. Anche i tantissimi dolci propositi sono in linea con questo mood spensierato: tutti iper colorati e, ovviamente, che garantiscono un glicemico. Nel locale si può noleggiare il pigiama da Unicorno, per essere in perfetto stile con il cafe!

 

https://www.youtube.com/watch?v=QftUJUozKxc

Nelle Filippine c’è l’Inflatable Island, un gigantesco parco giochi galleggiante di oltre 4.200 mq, tutto a tema unicorno. Inflatable Island, che si affaccia sul Mare Cinese Meridionale, nella Baia di Subic, offre un nutrito menu di attrazioni: scivoli gonfiabili, torri, ponti, altalene ed anche un trampolino per tuffarsi a pochi metri dalla spiaggia! Per la realizzazione del progetto è stato fatto un investimento di circa 20 milioni di dollari. Qui troneggia l’Unicornzilla, l’unicorno gonfiabile più grande del mondo.

Probabilmente, grazie l’espressione anglosassone “unicorns and rainbows” ovvero “va tutto bene, tutto fantastico”, vuoi per la sua dimensione asessuata, quasi angelica, l’unicorno ha iniziato ad essere associato alla bandiera arcobaleno della comunità lgbt+, come portavoce di slogan finalizzati a superare il concetto di genere durante i gay pride.

 

Redazione

Redazione

C'è un mondo intero, c'è cultura, c'è Sapere, ci sono decine di migliaia di appassionati che, come noi, vogliono crescere senza però abbandonare il
sorriso e la capacità di sognare.

Satyrnet.it vuole aiutare tutti gli appassionati che si definiscono "NERD"
a comunicare le proprie iniziative e i propri eventi: se volete inviare il
vostro contenuto per una pronta condivisione sul nostro network, l'indirizzo è press@satyrnet.it !
Aspettiamo le vostre idee!

Aggiungi commento

Nerd Artists Collective

La nostra pagina facebook

Iscriviti per: Satyrnet

* = campo richiesto!

Sostienici

Seguici

Facebook Page
Instagram

Iscriviti

[mc4wp_form id=”119273″]