Satyrnet.it

Menu

Tributo “La città verrà distrutta all’alba“

Per il secondo tributo al compianto George Romero, parleremo di quest altro suo film, che pur non avendo avuto fortuna alla sua uscita, ne divenne ugualmente un film Cult postumo alla sua uscita. Uscito negli U.S.A. Nel 1973 col titolo di “The Crazies”, Romero oltre a occuparsi della regia del film, ne curò anche la sceneggiatura insieme a Paul McCollough su suo soggetto. Il film ruota tutto su un’arma biologica militare che viene accidentalmente liberata nei pressi di una piccola cittadina degli Stati Uniti, e la trama si sviluppa in due parti, una dove i cittadini della città contaminata cercano una maniera per sopravvivere al contagio, e dall’altra ci sono i militari che cercano di arginare il contagio e insabbiare l’incidente all’opinione pubblica.

Le riprese del film furono girate in Pennsylvania, nella città di Evans City (dove venne girato “la Notte dei Morti Viventi” e Zelienople; che a detta di Romero, gli abitanti di entrambe le città erano entusiasti di lavorare all’interno del film.Purtroppo come detto in precedenza, per una cattiva distribuzione del Film, esso è stato un flop sia al botteghino che nel mercato home video,.infatti ebbe la sua gloria come film Cult postuma dopo decenni.

Nella piccola e tranquilla città di Evan City in Pennsylvania, tutto sta scorrendo normalmente, fino a quando non cominciano a scoppiare strani incendi di origine dolosa, a provocare tali incendi, si viene a scoprire che a causarli sono cittadini che sono sempre apparse normali e tranquilli che non hanno mai dato problemi ne alla comunità e nemmeno con la legge.Questo fenomeno di “follia” pian piano continua ad allargarsi, e ciò in preoccupa David il capo dei vigili del fuoco di Evans City, il suo collega Clank e Judy un infermiera del locale ospedale non chè fidanzata di David. Mentre il trio e anche le autorità cittadine stanno discutendo di questi strani accadimenti, sopraggiunge in città una colonna di militari guidati dal Maggiore Ryder al comando di un battaglio di soldati attrezzati con tute militari NBC e dotati anche di apparecchiature elettroniche per la misurazione dell’aria e della radioattività. Si viene a scoprire con l’intervento dei militari ad Evans City, che un bombardiere dell’esercito, è precipitato nei pressi delle colline vicino alla città, al suo interno il bombardiere trasportava dei contenitori nei quali al loro interno vi era depositata un arma biologica nome in codice “Trixie”, e nell’impatto il contenuto del Trixie si è propagato all’interno dell’acquedotto della città contaminando l’acqua; l’effetto di quest’arma e di causare nei soggetti contagiati scoppi di improvvisa follia omicida spingendo la gente a uccidere e distruggere in maniera indiscriminata. Intanto a Washington DC, presso il comando militare, si studia la situazione di Evans City, il Colonnello Peckem al comando dell’operazione, stà illustrando alle alte sfere come intende procedere per arginare la crisi. Oltre a procedere con i vari posti di blocco e l’isolamento dei soggetti infetti da quelli sani, e con l’aiuto e il supporto del Dottor Watts che si è recato a Evans per studiare un vaccino contro il Trixie. Ed in caso di emergenza se la situazione di crisi dovesse peggiorare, cosa che sembra molto fattibile, è stato dato ordine ad un B52 armato di testate nucleari di bombardare la città di Evans così da evitare il propagarsi del contagio, in caso la situazione possa sfuggire di mano alle autorità. Intanto ad Evans la situazione stà già peggiorando, infatti la popolazione è in preda al panico, e chi non è ancora infetto cerca di scappare dalla città prima di essere contagiato, mentre i contagiati in preda alla follia istigata dal Trixie seminano morte e distruzione; e i militari di stazza ad Evans cercano di contenere sia i contagiati che la folla impaurita con l’uso della forza, infatti hanno avuto l’ordine di sparare a chiunque cerchi di lasciare la città ed è in vigore la legge marziale, di conseguenza si scatena una vera e propria guerriglia urbana, civili contro militari ed è il caos più completo. Intanto David insieme a Judy e il suo amico Clank, per non fare la fine dei loro concittadini, cercano di scappare da Evans e mettersi al sicuro dai militari e dai contagiati. Grazie al loro vecchio addestramento nei Berretti Verdi come reduci della guerra in Vietnam, David e Clank riescono ad eludere la sorveglianza dei militari. Però la loro fortuna  viene a mancare, infatti un gruppo di soldati riesce ad individuarli e obbedendo agli ordini ricevuti gli sparano addosso, nello scontro a fuoco Clank viene ucciso e David e Judy riescono a salvarsi per il rotto della cuffia. Mentre David sta pensando a come uscire vivi da questa situazione, si accorge che Judy comincia a manifestare i sintomi del contagio dal Trixie, ma prima che possa fare qualcosa, Judy viene uccisa dagli altri contagiati mentre si stavano rivoltando contro i soldati. David sconvolto si arrende spontaneamente ai militari, che lo portano in uno dei centri di accoglienza preparati per le persone non infette, ma tacendo sul fatto che forse lui possiede una sorta di immunità al Trixie. Intanto il dottor Watts mentre stà finendo alcuni esami, scopre un vaccino contro il Trixie, però nella foga di andare a riferirlo al colonnello Peckem si dimentica di mettere il cartellino di identificazione, infatti alcuni militari lo scambiano per un infetto e durante la colluttazione, Watts muore e il materiale inerente la scoperta del vaccino viene distrutta; nel frattempo ricevute le ultime notizie il colonnello Peckem da ordine che la città venga bombardata, non prima di essere informato che stanno scoppiando altri focolai di infezione da Trixie in altre città.

Nel 2009 venne realizzato un remake diretto da Breck Eisner, già regista di Sahara, che è rimasto fedele all’originale del 1973 di Romero, con solo pochi cambiamenti marginali, come il protagonista che invece di essere un pompiere è lo sceriffo e invece di una arma atomica viene utilizzata una bomba ad implosione, ne hanno mantenuto il tono cupo e drammatico della trama. Nonostante all’uscita “The Crazies” non abbia avuto il successo immediato che ha avuto “Nigth of the Living Dead”, ma anzi si stava quasi rivelando un vero e proprio fallimento, nei decenni sucessivi, ha avuto una rivalutazione confermando George Romero, come regista e scrittore di film Cult che sia nel bene che nel male hanno lasciato il segno in milioni di appassionati di cinema. Come mio solito parere personale, per chi non ha mai visto questo film o ne ha solo sentito parlare consiglio vivamente di vederlo almeno una volta e magari fare una maratona vedendo anche il remake del 2009, così per fare una comparazione e a parte le modifiche del copione e ovviamente la differenza tra i due periodi, potrete notare quanto essi siano simili, e la visione di uno o di entrambi vi daranno una piena soddisfazione del tempo che gli avrete dedicato, per fortuna “The Crazies” si riesce ancora reperire in DVD e non è andato perduto come altri film che pur non avendo avuto la gloria immediata del grande schermo, l’hanno avuto postuma oppure sono state così sottovalutate da perdere completamente traccia di esse. Anche questo tributo a George Romero e stata data giustizia, nei prossimi tempi vedremo di aggiungere un altra opera sia per tributargli il merito che per far si che non vada persa la sua memoria.

Alla prossima

By Marco Talparius Lupani

 

 

Marco Giovanni Lupani
Latest posts by Marco Giovanni Lupani (see all)

Categories:   Cinema & Tv, Glorie Nerd Vintage

Comments

 

 

No, thanks!