Satyrnet.it

Menu

Jasmine / Deimos: gioco e cosplay in costante evoluzione

Gaming e Cosplay, oggi vi vogliamo parlare della talentuosa Jasmine, alias Deimos, una giovane creativa classe ’91, cresciuta sin da piccola con l’amore per i fumetti, gli anime e i videogames: un amore che non è mai finito ma, anzi, è aumentato nel corso degli anni. Il suo nickname? Non c’è da andare a cercare tra i nomi di qualche supereroe o nei vari anime/manga e videogames che la ragazza ama… il suo nickname lo si deve ad altre sue due grandi passioni: l’astronomia e la mitologia. Infatti, il nome Deimos deriva da uno dei satelliti del pianeta Marte, nonché figlio del dio della guerra nella mitologia greca, che personifica lo spirito del terrore.

Sin da bambina, le passioni di Deimos sono sempre state “atipiche” rispetto a quelle dei suoi coetanei. Gli altri bambini si interessavano ai consueti giochi della tenera età, mentre lei passava ore e ore nella propria stanza a leggere libri e giocare a Pokemon sul suo Gameboy. Crescendo, la passione è cresciuta con lei e ha iniziato a essere una vera e propria nerd in miniatura, spesso vista in modo negativo dalle persone, additata come quella strana. Ma Deimos non si è mai fatta abbattere dalle opinioni negative e verso l’adolescenza ha fatto capolino una nuova, grandissima, passione: il cosplay, che l’ha portata ad ampliare ogni sua altra passione, dalla lettura fantasy, ai videogiochi. Ha iniziato un po’ per caso, un po’ per gioco, portando il cosplay di Misa Amane da Death Note a una fiera nel 2009. È insicura e quasi tremante quando fa capolino sul palco e si esibisce, ma la sorpresa maggiore è durante le premiazioni, quando viene fatto il suo nome per il premio somiglianza col personaggio. Ma Misa è stata solo la prima dei tanti personaggi, tra cui Ciel Phantomhive da Kuroshitsuji, Merida da Ribelle, Alice da Alice Madness Returns, Mera da Aquaman, Roxanne di In viaggio con Pippo, Ellie da The last of us, Robin di Stranger Things, Ace da One Piece, Daenerys Targaryen di Game of Thrones, Lola Bunny da Space Jam e molto altri personaggi…

Per Deimos essere gamer è uno stile di vita vero e proprio, a 360°. Lei utilizza il gaming nella propria vita reale ogni giorno, con citazioni, magliette a tema, tatuaggi (quasi ogni tatuaggio che ha, fatta qualche eccezione, è a tema nerd). Essere gamer significa vivere vite infinite, entrare in universi paralleli e affrontare sfide di ogni tipo, incontrando nuovi amici e nemici. Essere gamer vuol dire uscire dalla monotonia di una vita qualunque.

Oltre ai titoli che fanno parte della sua infanzia, Deimos ha un amore particolare per la saga di Assassin’s Creed, di cui ha anche un tatuaggio, la trilogia di The Witcher (di cui ha fatto il cosplay di Ciri, un personaggio che la rappresenta moltissimo), Horizon Zero Dawn, Monster Hunter e molti altri… ma più di tutti, il suo gioco preferito è BioShock Infinite. Si può dire che i genitori di Deimos abbiano contribuito ampiamente alla sua passione per i videogiochi, regalandole a soli 4 anni la Sega Mega Drive, con un gioco un po’ particolare: Moonwalk! Poi venne la PlayStation e la fine ebbe inizio! La passione per i videogiochi diventa un vero e proprio amore spropositato. Più di tutti, i titoli che hanno contato per Deimos sulle prime console Sony sicuramente sono stati i capitoli della saga di Final Fantasy, che le hanno insegnato tantissimi valori, come l’onore, il coraggio, la vera amicizia e la forza di andare contro ogni avversità. Non c’è stata una volta precisa in cui Deimos ha deciso di uscire allo scoperto. Lo ha sempre fatto, non ha mai nascosto la sua vera essenza, già da bambina. Ha sempre combattuto contro gli stereotipi che vedevano i videogiochi, fumetti e anime prevalentemente argomenti maschili. Le volte in cui si è sentita dire “ma giochi ai videogames? Dimostrami che conosci i personaggi dei giochi” o ancora peggio, nei competitivi online quando nel canale vocale parlava e le battutine cattive o le richieste di amicizia insistenti iniziavano a piovere… ma ha continuato imperterrita nella sua passione, arrivando a fare streaming su Twitch, con un discreto numero di followers.

Jasmine è sempre stata fedele a se stessa, senza mai rinunciare alle proprie passioni e alla propria identità, che questa potesse piacere o meno a terzi. Ha sempre esternato il suo lato nerd anche a livello estetico, mostrando (specie nella sua piccola città) che le ragazze nerd esistono e che non c’è bisogno di nascondersi. Nel mondo odierno sembra facile poter essere se stessi, ma purtroppo non è così scontato e anche Deimos l’ha provato sulla propria pelle più volte. Ancora oggi si sente spesso giudicata in un mondo prettamente maschilista, dove la figura della donna è ancora oggettivizzata e vista come “ah ma le gamer giocano scollate e in mutandine per fare soldi sul web” o dove secondo alcuni, tutte le cosplayer sono mezze pornostar perché alcune distorcono i costumi originali per renderli più sexy del dovuto. Dal canto suo, Deimos è il genere di ragazza che fa live in pigiama e struccata, ride e si rende ridicola su Twitch, fa cosplay il più fedelmente possibile agli originali e da il massimo per farsi prendere sul serio.

Come quasi chiunque, Deimos ha delle figure importanti a cui si ispira e che ammira molto, tra cui del mondo cosplay si possono citare Kamui Cosplay, Kinpatsu, Yaya Han, Moderately Ok Cosplay e, più di chiunque altro, Leon Chiro. Nel mondo ludico, invece, si fa ispirare da alcuni dei suoi amici, che apprezza e ammira, tra cui Berrofronzo e Gabbo86.

Deimos ha la fortuna di essersi circondata di persone che apprezzano e condividono le sue stesse passioni, quindi la loro vita sociale è particolarmente incentrata sul mondo nerd generale (videogiochi, anime, fumetti, cosplay etc). Esprime il suo lato nerd con tatuaggi dedicati a diversi fandom (da Batman al signore degli anelli, Assassin’s Creed e V per Vendetta. Ha anche un tatuaggio dedicato a Jaws, il suo film preferito) e l’abbigliamento, soprattutto! Ha innumerevoli maglie dedicate ai videogiochi che ama. La sua stanza è un vero e proprio santuario nerd, a partire dalle mappe di Skyrim, Jurassic Park e la terra di mezzo, passando per i poster di Stranger Things, Joker, Jaws e It, una riproduzione di Lungo artiglio da Game of Thrones e diverse figures dedicate a videogiochi etc. Si può dire che la vita di Deimos sia incentrata a 360° sul gaming. Le critiche di chi non condivide l’essere gamer sono sempre state all’ordine del giorno, a partire dai parenti fino ad arrivare agli estranei che si permettono di giudicare chiunque non la pensi come loro. Deimos ha sempre affrontato questo genere di persone, specie perché oltre alla “colpa” di essere gamer, aveva l’aggravante di essere donna. Un tempo, se la prendeva, litigava e tentava in tutti i modi di fare valere le proprie ragioni, ma col tempo ha cambiato approccio. Ha deciso di ignorare certe persone tossiche, impedendo loro di influire negativamente sulla sua vita.

Tra gli eventi “comics & games”, sicuramente uno dei più belli a cui ha partecipato è Sigurtà, dove il parco è un posto meraviglioso e di grande ispirazione per dei set in cosplay. Ma, come ogni bravo gamer che si rispetti, l’appuntamento annuale fisso per Deimos e la games week! Spesso e volentieri, soprattutto grazie al cosplay, è stata oggetto di critiche positive da bambini e madri. Fermata nelle fiere con frasi tipo “ma tu sei la vera Merida?” e ha sempre assecondato i bimbi, dando loro un momento di felicità con uno dei loro idoli animati… un’altra esperienza estremamente positiva è stata durante l’ultima games week (ahimè, bei tempi) col cosplay di Mera, una ragazza l’ha fermata per dirle che era bellissima, le ha scaldato il cuore. Ma l’esperienza migliore è quando viene chiamata dalle persone col nome del personaggio che sta interpretando. L’aneddoto più simpatico, però, viene dall’ultimo Xmas Comix, dove ha interpretato Ciri e a un certo si è sentita chiamare “figlia mia”. Girandosi ha incontrato due ragazzi molto simpatici che interpretavano i genitori biologici di Ciri. Ne sono uscite diverse battute divertenti, tra cui la risposta di Deimos “Il mio papà è Geralt, brutto!” e alcune divertentissime “foto di famiglia“. Il cosplay è un mondo meraviglioso, che fa incontrare tante persone e creare legami stupendi.

A modesto parere di Deimos, i social sono stati tanto una benedizione quanto una maledizione. Sicuramente hanno aiutato a fare conoscere molto di più l’universo femminile del gaming, l’altra parte della medaglia, ma nello stesso modo molte ragazze hanno utilizzato questa cosa in una scusa per rendere sexy tutto. Foto dove leccano joypad, video con cuffie da gaming e reggiseno… decontestualizzando totalmente il vero significato dell’essere gamer e, di conseguenza, dando un’idea errata al mondo. Facendo parte della “rivoluzione dello streaming”, non può che reputarla un giovamento e grande passo avanti per molti artisti emergenti di tantissimi campi differenti, tra cui la musica e, per l’appunto, il gaming. Molti amici di Deimos sono riusciti nel trasformare questo mondo in un lavoro.

Se volete esplorare la creatività di Jasmine / Deimos, vi consigliamo di cliccare sui suoi profili ufficiali:

Gianluca Falletta
Seguimi

Categories:   COSPLAY, Gaming

Comments

 

 

No, thanks!