Satyrnet.it

Menu

Il sangue di Manitou di Graham Masterton

Alle soglie del Terzo Millennio, durante un’estate torrida, la città di New York è preda di una strana e terribile epidemia, di cui i medici non riescono a individuare l’origine. Tra i sintomi della misteriosa patologia ematica: difficoltà a ingerire cibo solido, ipersensibilità alla luce solare, e un’insostenibile arsura che può essere placata solo bevendo sangue umano. Mentre, nella metropoli, il panico dilaga, schiere di contagiati si riversano per le strade alla ricerca di sangue. Solo il sensitivo Henry Erskine capisce che ciò che accade non è affare risolvibile negli ospedali. Con il sostegno degli spiriti dei Nativi americani, Erskine si inoltrerà in un regno oscuro e sotterraneo a metà tra i vivi e i morti, dove dovrà condurre una lotta per la sopravvivenza della specie umana, una lotta in cui la morte non è che l’inizio.

Pubblicato negli Stati Uniti nel 2005 da Leisure Books, Il sangue di Manitou è il quarto di una serie avente come protagonista Harry Erskine, “veggente, erborista e cartomante”, noto in Italia per l’interpretazione datane da Tony Curtis nel film Manitù, lo spirito del male (The Manitou, 1978) di William Girdler, tratto a sua volta dal romanzo omonimo pubblicato nel nostro paese da Cappelli.  Gli altri titoli della serie, inediti in italia, sono The Djinn (1988) e Burial (1992). Abile nell’incrociare miti di diversa estrazione, ne Il sangue di Manitou  Masterton riprende alcune delle figure leggendarie dei Nativi americani e le fa incontrare/scontrare con le radici del vampirismo originate dalla sua terra d’elezione, la Romania: non le fascinose figure in mantello nero care a cinema e letteratura, ma la vera essenza del mito, quella degli strigoi, ancora massicciamente diffusa nel paese.

Ancora poco noto in Italia, Graham Masterton (Edimburgo, 1946) è riconosciuto a livello mondiale come uno dei grandi maestri dell’horror: in Francia gli viene intitolato un prestigioso premio letterario, il “Prix Masterton”, giunto quest’anno alla nona edizione, e le sue opere vengono regolarmente pubblicate in diversi paesi, come Francia, Belgio, Olanda, Svezia, Grecia, Polonia, Romania. Masterton vanta una lunga carriera come giornalista e scrittore: è autore di oltre cento tra romanzi e racconti che hanno collezionato riconoscimenti di pubblico e critica in molti paesi. I suoi maggiori successi sono Charnel HouseMirror (vincitore della Silver Medal of West Coast Review of Books), The House That Jack Built e Pray. Tre dei suoi racconti sono trasposti sul piccolo schermo per la serie “The Hunger”, prodotta da Tony Scott. I diritti di uno dei suoi ultimi romanzi, Trauma (2002), sono stati acquistati dal regista Jonathan Mostow (“U-571”) e diverranno a breve un film. Di Masterton, Gargoyle ha già pubblicato nel 2006 Spirit. (vincitore di uno Special Edgar conferito dalla Mystery Writers of America),

www.grahammasterton.co.uk

www.gargoylebooks.it

admin

Categories:   Books + Comics

Comments

 

 

No, thanks!