Satyrnet.it

Menu

Guida al marketing con Pokémon GO

010716

Vi vogliamo proporre qualche utile consiglio per sfruttare le potenzialità del gioco del momento, Pokémon GO, in una campagna di marketing sia reale che sul web. Come tutti sappiamo, Pokémon GO sta letteralmente spopolando sugli smartphone, sul web e nella realtà. Siamo sommersi da ragazzi e ragazze che girano con il proprio telefono in mano alla ricerca delle creaturine o dei vari luoghi di interesse dove trovare bonus. In televisione si parla più di Pikachu e soci che delle stragi e di golpe fasulli; le nostre bacheche social sono sommerse da immagini a realtà aumentata di improbabili cacciatori e allenatori.

Pokémon GO è un importante generatore e raccoglitore di dati, un progetto che in pochissimi giorni ha raggiunto le vette di download su iOs e Android, generando 1.6ML di $ al giorno e che sta per superare Twitter per numero di utenti giornalieri. Fa sorridere che Youporn abbia fatto i complimenti a Nintendo per la sua applicazione che ha superato, come ricerche su google, addirittura il porno (clicca qui per maggiori info).

010716

Mentre il museo dell’Olocausto ha chiesto di essere rimosso dal sistema di gioco, per rispetto ai contenuti proposti al pubblico, le riflessioni di altre realtà su come far interagire, per i propri scopi commerciali, questo successo planetario ai propri obiettivi commerciali sono pressoché infinite. Per sua natura, l’applicazione più usata del momento può essere molto utile per incrementare le visite a un luogo fisico o un’attività “su strada”: la necessità di muoversi su una mappa reale fa sì che i giocatori escano di casa e quindi ogni punto vendita potrebbe vedere aumentare il passeggio davanti alle vetrine se ci dovesse essere nei dintorni un bel Pokèmon da catturare.

Ad esempio, sfruttando le stesse caratteristiche del gioco, fumetterie, pizzerie, centri commerciali, potrebbero facilmente diventare i luoghi dove i giocatori possono trovare più creature possibili da catturare. Con soli 0.99 centesimi si può acquista online un “richiamo” da 100 Pokémonete che, per 30 minuti, attira i Pokémon dove è stato posizionato, quindi sia giocatori a caccia che probabili clienti. Alcuni locali hanno decuplicato gli incassi anche grazie ad un attenta campagna social che include creazioni di eventi, tornei e raduni per rendere note queste iniziative sul web. Fondamentale: oltra a offrire il classico wi-fi gratuito, consigliamo di fornire ai giocatori / possibili clienti, la possibilità di “ricaricare” la batteria del proprio smartphone nel proprio esercizio commerciale: vera unica pecca del nuovo gioco di Nintendo è il fatto di consumare molto velocemente ogni risorsa energetica dei cellulari! Da questo, il salto per le aziende con maggiori risorse è quello di regalare ai propri clienti, come gadget brandizzato, una power bank a tema Pikachu!

Sconsigliamo vivamente invece di creare, su Facebook, i così detti “Give-away”, che sono assimilabili a veri e propri concorsi a premi e sono regolamentati da un’apposita legge: per tutte le info sui “Give-away”, vi invitiamo a cliccare qui.

Nel gioco, il concetto di competizione e rivalità è alimentato dalla possibilità di identificarsi, dal quinto livello di esperienza, in 3 gruppi specifici (Instinct, Mystic, or Valor) differenziati dai colori giallo, blu e rosso; questo porta ad aumentare l’utilizzo dell’applicazione in maniera esponenziale, la partecipazione al gioco e la viralizzazione sociale dei contenuti ottenuti. La location potrebbe dunque ipotizzare di iniziative commerciali dedicate ai giocatori appartenenti ai diversi gruppi. L’incontro tra utenti è quindi molto importante, perché consente loro di scambiare informazioni, e per farlo possono incontrarsi in un negozio, in un bar, davanti a una vetrina.

010716

Oltre ai Pokémon da trovare esistono nel gioco altri due altri importanti “punti di interesse”. Sulla mappa di gioco troverete spesso un’icona, composta da cerchi concentrici, azzurra sopra un cubo dello stesso colore. Questi sono i Pokéstop: si tratta di punti di controllo virtuali che sorgono in precisi punti della città, luoghi di interesse o monumenti. Nei Pokéstop di Pokémon GO si trovano pokéball, oggetti speciali e uova da schiudere, utili gadget per continuare il gioco. I duelli di Pokémon alle Palestre sono sempre state protagoniste dei giochi Pokémon per oltre venti anni; in Pokémon GO le Palestre sono senza dubbio più intignarti: se nello schermo è visibile una torre, allora sarà possibile selezionarla e possono esserne controllate le informazioni. Verranno anche mostrati i Pokémon difensori, l’Allenatore e gli altri giocatori che hanno rivendicato la Palestra, il livello di quest’ultimi, le lotte vinte e i Pokémon vincitori. Una volta che un Pokémon viene sconfitto, sarà rimosso dalla Palestra e le sue statistiche non saranno più visibili. Se proprio la vostra attività commerciale non è vicina, in nessun modo, a un Pokèstop o a una Palestra si potrà presto richiedere la creazione di nuove location virtuali. Niantic, infatti, ha aperto un form per richiedere la creazione di nuovi punti di interesse per creare nuovi Pokéstop e Palestre. Basta fare esplicita richiesta alla società tramite il form che trovate a questo indirizzo, selezionando No PokéStops or Gyms near me e compilando i dati richiesti.

https://support.pokemongo.nianticlabs.com/hc/en-us/requests/new?ticket_form_id=319928

È necessario specificare il nome esatto del PokéStop e l’indirizzo; inoltre, si può aggiungere anche la latitudine e longitudine del punto e una foto di riferimento. A oggi, visto il probabile assalto a questo strumento web, qualsiasi richiesta viene automaticamente rifiutata, ma vale la pena tenere a portata di mano il link per quando sarà nuovamente possibile aggiungere Pokéstop e Palestre.

Gianluca Falletta
Seguimi

Categories:   AULAMANGA, Gaming

Comments

 

 

No, thanks!