Satyrnet.it

Gonzaga, chi sarà il nuovo dominatore d’Europa?

gonzaga

Un po’ Tetris, un po’ Risiko e un po’ Coloni di Catan: è il nuovo gioco da tavolo “Gonzaga”, ideato da Guglielmo Duccoli e prodotto dalla daVinci games (http://www.dvgiochi.com/ )  . Il prodotto è stato presentato all’ultimo Lucca Comics ed è subito andato esaurito.  La daVinci ha annunciato la ristampa e già da dicembre il gioco è tornato disponibile sugli scaffali dei i negozi specializzati.

Che cos’è Gonzaga? E’ un gioco tutto italiano (primo punto a favore), in cui i partecipanti dovranno a turno contendersi il dominio sull’Europa, piazzando i propri feudi sulle città e i porti più importanti del continente. Per vincere occorre un buon colpo d’occhio e una certa capacità strategica, sia nel pianificare il proprio sviluppo, sia nel riuscire a prevedere come si muoveranno i vostri avversari. Gonzaga è un gioco di spessore, ma senza inutili complicazioni e con una durata ragionevole (dai 45 ai 60 minuti per match). S’impara in fretta e il meccanismo interno è ben calibrato.

SCATOLA

Le illustrazioni di Alberto Bontempi  e Stefano De Fazi mi sono piaciute: né pacchiane né dimesse, ma una giusta via di mezzo. Danno il giusto carattere al prodotto. Un che d’italiano, mi viene da dire, anche se non saprei definirlo meglio… La scatola è piena di roba (leggi sotto per i dettagli) e un po’ più grande di altri giochi in scatola della daVinci come Tuchulcha o Dancing Dice (cito questi perché sono i primi che ho sotto mano^^).

CONTENUTO

Taaaaaaaaaaaaaanta roba! A tenere in mano la scatola sembra di sostenere un mattone!  L’elemento più appariscente è il tabellone quadrato con la rappresentazione di tutta l’Europa centro-occidentale. Poi ci sono 16 tessere Scenario, 6 sigilli “regione fiorente”, 1 tessera bonus “Gonzaga”, 1 carta ultimo turno, 1 carta riepilogativa e 16 carte città segrete. Ogni giocatore avrà poi a disposizione: 1 plancia di gioco in cartone, 12 feudi di plastica (tutti diversi) con le relative 12 carte feudo, 6 anelli di plastica, un segnapunti  del proprio colore sempre in plastica e 11 carte pianificazione. Ah e ovviamente c’è anche il manuale delle regole…

 

GIOCO

Gonzaga è pensato per 2-4 giocatori e vi posso dire che a 2 e a 3 gira bene, mentre non ho avuto l’opportunità di testarlo in 4. In ogni turno dovrete pescare la prima carta feudo dal vostro mazzo, raccattare la miniatura del feudo corrispondete e decidere, nella fase di pianificazione, dove piazzare il vostro feudo e cosa provare a conquistare, se città o porti o entrambi. Ogni azione ha una velocità fissa,  quindi decidere per la conquista di città o di porti avrà delle conseguenze e potreste rimanere a bocca asciutta se i vostri avversari saranno più rapidi di voi.

Alla fine della partita (in pratica quando sono finiti tutti e dodici i feudi in dotazione), vincerà il giocatore che ha fatto più punti, non solo coprendo porti e città, ma anche raggiungendo gli obiettivi segreti che vengono assegnati all’inizio e svelati solo a fine partita.

Ho giocato abbastanza a questo nuovo titolo della daVinci e per quanto mi riguarda ogni partita è stata differente dalla precedente. Ho apprezzato molto la preponderanza dell’aspetto strategico sulla componente di alea (le chiappe insomma^^), il che rende Gonzaga un gioco particolarmente adatto a un pubblico di gamers esperto. Ma vi assicuro che ci può giocare anche un niubbo dei boardgames, purché non si faccia subito spaventare dalle regole, che sono solo in apparenza tante e complicate. L’unica cosa di cui sento la mancanza quando gioco a Gonzaga è quella di non avere una fase militare. “Ma come? – mi dico – ho tutti questi feudi e non posso fare un po’ di sana guerra al mio vicino?!?!” Sono certo che la scelta di non implementare una “fase armata” nel gioco sia stata attentamente ponderata e forse la possibilità di guerreggiare avrebbe reso ogni partita enormemente più lunga e troppo complessa. Razionalmente lo capisco, ma volete mettere il gusto del campo di battaglia?

PRO

Graficamente gradevole e con molto materiale di gioco dentro la scatola

Sistema di gioco solido e longevo, ogni partita è diversa dalla precedente. Il playtesting c’è stato e si sente

Regole mediamente complesse, adatte anche a chi non è un esperto

Bustine di plastica trasparente per contenere tutti i pezzi divisi per colore. L’attenzione al dettaglio fa sempre piacere

Prezzo giusto: 45 euro

CONTRO

L’area del tabellone riservata ai punti è troppo risicata; sarebbe stato meglio farla  più grande. I numeri si leggono poco e i segnapunti si affollano troppo

Non è sempre facile capire quali feudi sono stati pescati e prendere la corrispondente miniatura. Alla daVinci hanno approntato un sistema numerico di riconoscimento che facilita il lavoro, ma comunque un minimo di fatica bisogna metterla in conto

 

VOTO: 7.5/10

 

Luca “Oscuro Presagio” Francescangeli

 

Avatar

admin

C'è un mondo intero, c'è cultura, c'è Sapere, ci sono decine di migliaia di appassionati che come noi vogliono crescere senza però abbandonare il sorriso e la capacità di sognare.

Aggiungi commento

Invia il tuo articolo

La nostra pagina facebook

Iscriviti alla Newsletter

Sostienici

Seguici

Facebook Page
Instagram

Iscriviti