Satyrnet.it

GhostCam – Episodio 1

Ep.1: https://www.youtube.com/watch?v=-nYRIGWB2GY

Ho il piacere di presentarvi  il primo episodio della web series “Ghost Gam: i fantasmi dei vivi” di Valentina Bertuzzi.

Ghost Cam: i fantasmi dei vivi è la nuova web series italiana che usa Facebook come palcoscenico.

I pre-morti: fantasmi di persone viventi, presagio di un grave pericolo imminente. Ghost Cam – nuova web series indipendente– introduce al pubblico la storia dei “soon to die”: spiriti in pericolo, che si staccano dal corpo in cerca di aiuto. Ghost Cam è un’idea originale della regista e sceneggiatrice Valentina Bertuzzi (già autrice di corti thriller e di fanta-tecnologia come Corporate con Valentina Lodovini, ed Ultravioletto con Alba Rohrwacher,) scritto a quattro mani con la sorella Francesca Bertuzzi, scrittrice best seller del noir italiano e sceneggiatrice.

La figura del pre-morto è una novità assoluta per il nostro pubblico, ma si basa su uno studio meticoloso della storia e del folklore internazionale. La tradizione celtica e mitteleuropea più antica abbonda infatti di racconti su questo tipo di apparizioni: i Doppelgänger o, come si dovrebbero più correttamente chiamare, le proiezioni astrali. Lo storico spectre inspector inglese Andrew Green (1927-2004) sosteneva addirittura che le visioni di persone viventi in pericolo mortale superino di gran lunga quelle dei defunti. In Ghost Cam l’antico incontra il post moderno: è un’applicazione per smartphone a fungere da catalizzatore per le anime inquiete, in un racconto che si sviluppa con i ritmi contemporanei del web e dei social network.

Ghost Cam è infatti il primo progetto di quello che è stato definito “Social Group Theater”, uno spettacolo per la rete dove il palco è un gruppo Facebook, i personaggi sono dei profili e il pubblico – interattivo – è composto dai loro contatti. I profili dei personaggi hanno vissuto online prima, durante e dopo la messa in rete della serie, attraverso post, ricordi, condivisioni e fotografie, creando un flusso narrativo parallelo alla sceneggiatura, totalmente inedito e sperimentale. Adesso che tutta la serie è visibile (ovviamente gratis) sul gruppo Facebook del progetto, i personaggi di Lana, Pièr e Kim continuano a vivere e ad essere credibili, ovviamente con le proprie peculiarità e back-story, seguendo la propria personalità e senza mettersi a caccia di consensi e like.

Ghost Cam è un progetto italiano, prodotto dalla giovanissima casa indipendente Suoni Lab, con cast e crew internazionali: dall’attore londinese David Cox all’attrice italo-vietnamita Eugenia Tempesta fino al gruppo italo-danese ISTAP che ha firmato le musiche. La protagonista è la bella Beatrice Bruschi (Caos Calmo), diciannovenne appassionata di horror d’autore che sogna di diventare la nuova scream queen italiana.

E Ghost Cam è un progetto aperto: dopo il successo del primo esperimento ristretto l’esperienza si rinnoverà ed amplierà con dei nuovi progetti che saranno resi noti nei prossimi mesi. Per restare aggiornati non resta che iscriversi al gruppo (https://www.fb.com/groups/ghost.cam.beta) e interagire in prima persona con i protagonisti.

“Un tempo si diceva che la fotografia ruba l’anima – dichiara la regista Valentina Bertuzzi – In qualche modo, ho sempre pensato che potesse essere vero…” L’utility” dell’app di Ghost Cam? Salvarti la vita!

Enrico Ruocco

Enrico Ruocco

Figlio della GOLDRAKE generation, l’amore che avevo da bambino per il fumetto è stato prima stritolato dall’invasione degli ANIME, poi dall’avvento dei Blockbuster e annientato completamente dai giochi prima per PC e poi per CONSOLE.
In seguito con l’arrivo del nuovo millennio, il tanto temuto millennium bug , ha fatto riaffiorare in me una passione sopita soprattutto grazie ad INTERNET.
Era il 2000 quando finalmente in Italia internet diventava sempre più commerciale, ed io decisi di iniziare la mia avventura sul web creando il mio sito TUTTOCARTONI. Sito nato da una piccola ricerca fatta fra quello che “tirava” sul web e le mie passioni. Sappiamo bene cosa tira di più sul web … sinceramente non lo ritenni adatto a me, poi c’era lo sport, altra mia passione ma campo altamente minato. Infine c’erano i cartoon e i fumetti…beh qua mi sentivo preparato e soprattutto pensavo di trovare un mondo PACIFICO…
Man mano che passava il tempo l’interesse si spostava sempre più verso il fumetto, ed oggi, nel 2017, guardandomi indietro e senza vantarmi troppo posso considerarmi un blogger affermato e conosciuto, uno dei padri degli eventi salernitani dedicati al mondo del fumetto ma soprattutto lettore di COMICS di ogni genere.

Aggiungi commento

Invia il tuo articolo

La nostra pagina facebook

Iscriviti alla Newsletter

Sostienici

Seguici

Facebook Page
Instagram

Iscriviti