Satyrnet.it

Menu

Fiabe Cinofile, due libri a confronto

0

Se anche voi  amate portare in vacanza, che sia al mare, al lago o in montagna, un buon libro ed inoltre siete dei super cinofili, questo post fa al caso vostro! Non mi stancherò mai di dire quanto io ami Tolkien come autore -e non solo- ( forse un giorno o l’altro vi racconterò del mio rapporto con le sue opere) e di come stia cercando di leggere tutti suoi scritti. Questa volta mi sono allontanata dalla Terra di Mezzo ed ho letto una delle opere  antecedenti persino a Lo Hobbit: RoverRandom, le avventure di un cane alato. Una fiaba scritta da Tolkien nel 1925 per consolare uno dei suoi figli della scomparsa del suo cagnolino giocattolo, perso durante una gita in spiaggia. Un libro che ho letto con tutta la calma del mondo, quando e quanto mi andava. Come tutte le fiabe, credo che vada letta quando si è dell’umore giusto. Anche perchè Tolkien ha un concetto tutto suo di Fiaba, sebbene in RoverRandom si trattenga ancora nella classificazione di “fairy tale”, anche se qualche accenno alla sua opera postuma si può vedere in qualche ” citazione”; ad esempio: della Casa degli Elfi ( Valinor? Tol Eressea?) , ai vari maghi e all’Uomo sulla luna. Un libro che ci mostra l’amore di Tolkien per i suoi figli e molto probabilmente un suo lato cinofilo.

Libro, che forse erroneamente, ho accomunato per empatia e simpatia ad un altro che ho amato dalla prima all’ultima pagina: Abbaiare Stanca, di Daniel Pennac. Quest’ultimo è una fiaba apertamente cinofila, ma anche in questo caso il protagonista, che porta un nome abbastanza bizzarro: Il Cane, come RoveRandom (anche se lui ci mette un po’ a capire cosa vuole veramente), affronta mille ed una peripezie pur di raggiungere di nuovo il proprio amato bipede. Sebbene il primo sia molto fantasioso e fatato , ed al contrario, il secondo sia ben più realistico e duro a tal punto da farti rimanere più d’una volta con il nodo in gola, sono entrambi a mio avviso molto affini. Due letture leggere e facilmente digeribili tra un bagno e l’altro. Non richiedono nessunissimo sforzo intellettuale e li consiglio tantissimo sia a grandi che piccini i quali abbiano l’intenzione di adottare un cane o che semplicemente amino queste creaturine a quattro zampe. Spero che questo mio post serva anche a sensibilizzare voi altri, su quanto sia sbagliato l’abbandono di animali domestici durante il periodo estivo. Vi prego non fatelo! Non mi resta di augurarvi buona lettura!!!

Avatar
Latest posts by Michela Catalani (see all)

Categories:   Books + Comics

Comments

 

 

No, thanks!