Satyrnet.it

Menu

Bentornata Lady Oscar

Da lunedì 6 settembre, ogni mattina della settimana fino al venerdì, torna su Italia 1 alle 8 e 10 Lady Oscar uno degli anime più amati di sempre nel nostro bel Paese, se non il più amato, senz’altro come repliche, in una nuova edizione rimasterizzata a cura di Yamato video con pare sorprese nella sigla iniziale e finale.In parallelo, va detto che le avventure dell’eroina guerriera per antonomasia sono anche disponibili su Sky e su alcune piattaforme anime on line, oltre che in DVD, in attesa della prossima uscita su Blu Ray, pare imminente, per celebrare il prossimo anno, 2022, i quarant’anni di Lady Oscar nel nostro Paese, a pochi mesi di distanza dall’uscita per J-POP dell’edizione definitiva del manga e delle Gaiden, le storie fuori collana.

Cosa si può dire ancora che non si sappia già di quella che è forse la protagonista più famosa degli anime di sempre, amata anche dai non otaku, tanto che ogni anno dal 12 al 14 luglio sui social ci si scatena con hastags per ricordare il suo grande amore per André finalmente realizzato e la tragica morte di entrambi?

Le rose di Versailles, il manga che ha ispirato l’anime, realizzato da Riyoko Ikeda a partire dal 1972, è considerato ancora oggi un classico del genere, da leggere e rileggere, capace davvero di forgiare l’immaginario e di essere coraggioso, proponendo un personaggio di eroina fuori dagli schemi, che ha fatto scuola, al centro di una storia d’amore veramente struggente, che fece scalpore nel Paese del Sol levante perché per la prima volta in un shojo si vedevano i due protagonisti fare l’amore, consumazione commovente di un sentimento purtroppo destinato a finire troppo presto.

Lady Oscar anime, diretto prima da Tadao Nagahama e Osamu Dezaki, nonostante la cura estrema con cui fu realizzato e che lo rende ancora oggi memorabile, non fu assolutamente un successo in Giappone, tanto che gli iniziali 52 episodi previsti furono ridotti a 40. Solo nel 1986, sette anni dopo la prima, sfortunata messa in onda, la serie fu riproposta sull’onda del successo ottenuto dal disegnatore Shingo Araki per I cavalieri dello zodiaco, trovando allora un suo posto nel fandom nipponico, a cui sono seguite pubblicazioni di art book e della splendida colonna sonora fino ad oggi, in attesa di un più volte annunciato remake animato per ora fermo.

In Italia è ancora oggi uno dei grandi successi degli anime di sempre, ancora celebrata da cosplayer, autori di fanfiction, fanart, gruppi sui social e eventi, e il manga è uscito in più edizioni a partire dagli anni Ottanta. Il tutto senza contare il rock drama realizzato da Andrea Palotto e lo spettacolo teatrale e il fan film de I Giocolieri delle Stelle, altri tributi davvero ad una storia che non smette mai di stancare.

Una storia comunque coraggiosa, politicamente scorretta in un momento in cui si vuole censurare tutto quello che fa emozionare in nome di non voler offendere nessuno, capace di parlare di morte, amore, libertà, giustizia, passioni totalizzanti (come dimenticare la famosa e conturbante dichiarazione d’amore di André ad Oscar?) rinunciando al lieto fine, anzi lasciando nella disperazione gli appassionati con uno dei più tragici anche se catartici finali di sempre, ma lasciando dentro non poco, anche a chi oggi a distanza di decenni lo ricorda come uno dei punti fermi della sua infanzia e adolescenza, un classico da rivedere e rileggere sempre.

Per cui, ben ritornata Lady Oscar, in attesa di poterla celebrare tornando a fiere ed eventi nell’anno del quarantennale.

Elena Romanello
Latest posts by Elena Romanello (see all)

Categories:   AULAMANGA, Cinema & Tv, Glorie Nerd Vintage

Comments

 

 

No, thanks!